Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4596 del 22/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 22/02/2017, (ud. 02/02/2017, dep.22/02/2017),  n. 4596

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – rel. Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 27913/2013 proposto da:

EQUITALIA SUD SPA, in persona del Responsabile del contenzioso

esattoriale, elettivamente domiciliato in ROMA VIA GIOACCHINO

ROSSINI 18, presso lo studio dell’avvocato GIOIA VACCARI, che lo

rappresenta e difende giusta delega in calce;

– ricorrente –

contro

D.T., elettivamente domiciliata in ROMA VIA SAVOIA 33, presso

lo studio dell’avvocato ADRIANO SIMONETTI, che la rappresenta e

difende giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 229/2013 della COMM. TRIB. REG. di ROMA,

depositata il 21/05/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

02/02/2017 dal Consigliere Dott. LIANA MARIA TERESA ZOSO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO Immacolata, che ha concluso per l’accoglimento per quanto di

ragione del ricorso.

Fatto

ESPOSIZIONE DELLE RAGIONI IN FATTO ED IN DIRITTO DELLA DECISIONE

1. D.T. ricorreva per l’annullamento dell’iscrizione ipotecaria eseguita da Equitalia Sud s.p.a. ai sensi del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 77, su immobili di sua proprietà. La commissione tributaria provinciale di Roma dichiarava il proprio difetto di giurisdizione per la parte non afferente crediti tributari ed accoglieva il ricorso in quanto l’iscrizione ipotecaria non era stata preceduta dall’avviso previsto dal D.P.R. n. 602 del 1973, art. 50.

Proposto appello da parte di Equitalia Sud s.p.a., la CTR del Lazio lo rigettava sul rilievo che l’ipoteca iscritta, per la parte relativa a crediti tributari, era relativa a garanzia di un credito erariale inferiore ad Euro 8.000,00, comprensivo di sanzioni e di interessi.

2. Avverso la sentenza della CTR propone ricorso per cassazione Equitalia Sud s.p.a., già Equitalia ETR s.p.a.. affidato a tre motivi. La contribuente si è costituita in giudizio con controricorso.

3. Con il primo motivo la ricorrente deduce violazione di legge, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in relazione al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 57, in quanto la CTR ha accolto l’appello della concessionaria sulla base di un rilievo che non era stato proposto con il ricorso di primo grado.

4. Con il secondo motivo deduce violazione di legge, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in relazione al D.P.R. n. 602 del 1973, art. 77. Sostiene che l’art. 77 citato prevede che si può procedere all’espropriazione immobiliare se l’importo complessivo del credito per cui si procede supera complessivamente 8.000,00 Euro, dovendosi considerare anche i crediti di natura non tributaria.

5. Con il terzo motivo deduce violazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 77 e D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 19, di legge, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 1, in quanto la CTR non avrebbe potuto dichiarare l’illegittimità dell’iscrizione ipotecaria per debiti che erano stati riconosciuti non avere natura tributaria.

6. Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente di data 14.9.2016, la redazione della motivazione in forma semplificata.

7. Osserva la Corte che va esaminato per primo il secondo motivo di ricorso in quanto avente carattere assorbente del primo. Il motivo è fondato per la ragione che la Corte di legittimità ha già affermato il principio, al quale questo collegio intende dare continuità, secondo cui, in tema di iscrizione di ipoteca relativa a debiti tributari, per il raggiungimento della soglia minima di 8.000 Euro a tal fine prevista dal D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, art. 77, occorre fare riferimento a tutti i crediti iscritti a ruolo atteso che, ai sensi degli artt. 49 e 50 del citato D.P.R., il ruolo costituisce “titolo esecutivo” sulla base del quale il concessionario “può procedere ad esecuzione forzata”, ovvero “può promuovere azioni cautelari conservative, nonchè ogni altra azione prevista dalle norme ordinarie a tutela del creditore”, purchè “sia inutilmente trascorso il termine di 60 giorni dalla notificazione della cartella di pagamento (Cass. n. 23050 del 11/11/2016; Cass. n. 2190 del 31/01/2014).

Ne consegue che, ai fini del superamento del limite di 8.000 Euro non assume alcuna rilevanza il fatto che alcuni crediti iscritti a ruolo non abbiano natura tributaria.

8. Il terzo motivo è infondato. La CTP, con decisione che non è stata impugnata sul punto, ha dichiarato il proprio difetto di giurisdizione relativamente ai crediti non aventi natura tributaria ed ha accolto il ricorso del contribuente, avuto riguardo all’iscrizione per crediti tributari, perchè essa non era stata preceduta dall’avviso di cui al D.P.R. n. 602 del 1973, art. 50. Ciò facendo la CTR ha fatto corretta applicazione della norma della norma di cui al D.Lgs n. 546 del 1992, art. 19, comma 1, lett. e bis, poichè, a seguito dell’entrata in vigore del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, art. 35, comma 26 quinquies, introdotto dalla L. di Conversione 4 agosto 2006, n. 248, l’iscrizione dell’ipoteca a norma del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 77, è stata inclusa tra gli atti impugnabili dinanzi alle Commissioni Tributarie.

9. L’accoglimento del secondo motivo di ricorso determinerebbe la cassazione della sentenza impugnata con rinvio alla Commissione Tributaria Regionale del Lazio per l’esame delle questioni non decise perchè ritenute assorbite. Tuttavia, tenuto conto che tra le questioni da esaminare vi è quella, assorbente, della mancata notifica dell’avviso prima dell’iscrizione dell’ipoteca, ritiene questo collegio che la causa possa essere decisa nel merito, in una prospettiva aderente alle esigenze di economia processuale e di celerità del giudizio, costituzionalizzata dall’art. 111 Cost.. Ciò posto, la Corte di legittimità, con decisioni cui questo collegio intende dare continuità, ha affermato il principio secondo cui “In tema di riscossione coattiva delle imposte, l’iscrizione ipotecaria del D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 77 (nella formulazione vigente ratione temporis) non costituisce atto di espropriazione forzata e può, pertanto, essere effettuata senza la previa notifica dell’intimazione di cui al precedente art. 50, comma 2, ma, in ossequio al principio del contraddittorio endoprocedimentale, deve essere preceduta, pena la sua nullità, dalla comunicazione e dalla concessione di un termine di trenta giorni al contribuente per il pagamento o la presentazione di osservazioni dovendosi ritenere che l’omessa attivazione di tale contraddittorio endoprocedimentale comporti la nullità dell’iscrizione ipotecaria per violazione del diritto alla partecipazione al procedimento, garantito anche dagli artt. 41, 47 e 48 della Carta dei diritti fondamentali della Unione europea, fermo restando che, attesa la natura reale dell’ipoteca l’iscrizione mantiene la sua efficacia fino alla sua declaratoria giudiziale d’illegittimità” (Cass., Sez. U., n. 19667 del 18/09/2014; Cass. n. 23875 del 23/11/2015; Cass. n. 13115 del 14.4.2016). In applicazione di tale principio il ricorso va, dunque, rigettato. Le spese dell’intero giudizio si compensano in considerazione dell’affermarsi dei principi giurisprudenziali sui punti controversi in epoca successiva alla proposizione del ricorso.

PQM

La Corte rigetta il ricorso. Compensa le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 2 febbraio 2017.

Depositato in Cancelleria il 22 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA