Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4590 del 24/02/2011

Cassazione civile sez. trib., 24/02/2011, (ud. 16/12/2010, dep. 24/02/2011), n.4590

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – rel. Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 7989-2009 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

SARATOGA INT SFORZA SPA (OMISSIS), in persona del Presidente del

Consiglio di Amministrazione, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CRESCENZIO 91, presso lo studio dell’avvocato LUCISANO CLAUDIO, che

la rappresenta e difende unitamente agli avvocati LUPI RAFFAELLO,

CARMINI STEFANO, giusta procura speciale in calce al controricorso;

– controricorrente –

– ricorrenti incidentali –

avverso la sentenza n. 101/2007 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di MILANO del 13/12/07, depositata l’08/02/2008;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/12/2010 dal Consigliere Relatore Dott. CAMILLA DI IASI;

udito l’Avvocato Lupi Raffaello, difensore della controricorrente che

si riporta agli scritti;

è presente l’Avvocato Generale in persona del Dott. DOMENICO

IANNELLI che ha concluso per l’accoglimento del 1 motivo del ricorso

e per l’assorbimento degli altri.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. L’Agenzia delle Entrate propone ricorso per cassazione nei confronti della Saratoga Int. Sforza s.p.a. (che resiste con controricorso successivamente illustrato da memoria) e avverso la sentenza con la quale la C.T.R. Lombardia accoglieva l’appello della contribuente.

2. Il primo motivo di ricorso (col quale si deduce nullità della sentenza per violazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36) è manifestamente fondato.

Premesso che, secondo la giurisprudenza di questo giudice di legittimità, ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36 – secondo cui la sentenza deve contenere, fra l’altro, la “concisa esposizione dello svolgimento del processo” e “la succinta esposizione dei motivi in fatto e diritto” -, nonchè dell’art. 118 disp. att. c.p.c. (sicuramente applicabile al rito tributario in forza del generale rinvio operato dall’art. 1, comma secondo, del citato decreto delegato), la mancata esposizione in sentenza dello svolgimento del processo e dei fatti rilevanti della causa e l’estrema concisione della motivazione in diritto determinano la nullità della sentenza, quando rendono impossibile l’individuazione del “thema decidendum” e delle ragioni che stanno a fondamento del dispositivo (v. Cass. n. 3 547 del 2002), occorre considerare che nella specie l’impossibilità di individuare in maniera chiara ed univoca il thema decidendum e le ragioni poste a fondamento della decisione deriva non solo dalla estrema concisione e lacunosità dello svolgimento del processo e della motivazione in diritto, ma soprattutto dalla assoluta carenza della esposizione dei fatti rilevanti della causa, tale da rendere impossibile perfino comprendere la natura dell’atto opposto o il tipo di imposta in discussione.

La mancanza nella sentenza dei requisiti previsti dal D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36 impedisce, a fortiori, anche di valutare la portata della eccezione di giudicato esterno proposta dalla società.

Il primo motivo di ricorso deve essere pertanto accolto, con assorbimento degli altri, e la sentenza impugnata deve essere cassata con rinvio ad altro giudice che provvederà anche in ordine alle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese alla C.T.R. Lombardia.

Così deciso in Roma, il 16 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 24 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA