Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4579 del 21/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 21/02/2020, (ud. 18/12/2019, dep. 21/02/2020), n.4579

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – rel. Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

Dott. CAPOZZI Raffaele – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 34428-2018 proposto da:

C.S. SRL, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FOSSO DEL TORRINO

4/10, presso lo studio dell’avvocato MARCELLO CORDOMA, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI ROMA (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 2240/5/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE del LAZIO, depositata il 10/04/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 18/12/2019 dal Consigliere Relatore Dott. DELLI

PRISCOLI LORENZO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Rilevato che:

la Commissione Tributaria Provinciale rigettava il ricorso del contribuente relativo ad Ici, sostenendo che per gli anni 2008 e 2009 non era maturata la decadenza in quanto la L. n. 296 del 2006, art. 1, comma 161, prevede un termine di decadenza di cinque anni per l’accertamento delle imposte degli enti locali;

la Commissione Tributaria Regionale respingeva l’appello della contribuente, confermando la durata quinquennale del termine di decadenza e rilevando che l’appello ha ad oggetto l’avvenuta prescrizione delle pretese tributarie, che conseguirebbe al fatto che l’atto originariamente impugnato è stato sostituito con avvisi di accertamento emessi successivamente in autotutela nel 2014, che però, trattandosi di modifica in melius, non deve rispettare alcun termine di decadenza;

il contribuente proponeva ricorso affidato ad un motivo di impugnazione mentre il comune di Roma non si costituiva.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Considerato che:

con l’unico motivo d’impugnazione la parte contribuente ritiene che la pretesa tributaria per l’ICI 2008 e 2009 sia decaduta nel 2011 e nel 2012 e che la sentenza della CTR non abbia correttamente motivato;

considerato che – a prescindere da un esame circa l’ammissibilità del ricorso che non individua chiaramente e specificamente i motivi di doglianza – il ricorso è comunque inammissibile innanzitutto perchè la notifica è stata fatta direttamente dal ricorrente, con una semplice raccomandata, e non, come previsto dall’art. 137 c.p.c., comma 1, tramite ufficiale giudiziario;

ritenuto dunque che il ricorso è inammissibile e che nulla va statuito in merito alle spese non essendosi costituito il comune di Roma.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 – quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente principale, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 18 dicembre 2019.

Depositato in cancelleria il 21 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA