Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4564 del 22/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 22/02/2017, (ud. 24/11/2016, dep.22/02/2017),  n. 4564

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 16505/2012 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

C.L., C.R., elettivamente domiciliate in ROMA VIA

COSTANTINO CORVISIERI 54, presso lo studio dell’avvocato CHIARA

CAROLI, rappresentate e difese dagli avvocati ROBERTO MAGGI,

GIUSEPPE RINALDI, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 140/2011 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

TARANTO, depositata il 18/05/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/11/2016 dal Consigliere Dott. ANTONIETTA SCRIMA;

udito per il ricorrente l’Avvocato ROCCHITTA che si riporta agli

atti;

udito per le controricorrenti l’Avvocato RINALDI che ha chiesto il

rigetto;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GIACALONE Giovanni, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Nel 2004 la Commissione Tributaria Provinciale di Taranto accolse il ricorso proposto da C.L. e R. avverso gli avvisi di liquidazione relativi all’imposta principale di successione emessi per omessa autoliquidazione in considerazione della non ammissibilità del passivo ereditario indicato nella denuncia di successione dagli eredi di C.E. (tra cui le ricorrenti in primo grado), che avevano accettato l’eredità con beneficio d’inventario, non essendo stato tale passivo esposto analiticamente nel quadro D della detta denunzia.

Ritennero in particolare i Giudici di primo grado che la motivazione dell’atto impositivo doveva ritenersi insufficiente e che le ricorrenti, avendo accettato, come già evidenziato, l’eredità con beneficio d’inventario ed avendo allegato il verbale redatto dal cancelliere attestante i debiti che ammontavano ad una somma maggiore dell’attivo, non avevano provveduto nè erano tenute a corrispondere alcunchè e compensarono tra le parti le spese di lite.

Avverso la sentenza di primo grado l’Ufficio propose ricorso cui resistettero le contribuenti.

Con sentenza depositata in data 18.5.2011 la Commissione Tributaria Regionale di Bari – Sezione distaccata di Taranto rigettò l’appello proposto e compensò le spese di quel grado.

Avverso tale decisione l’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione sulla base di un unico motivo.

C.L. e R. hanno resistito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con l’unico motivo si lamenta “Violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 346 del 1990, artt. 27, 31, 33, 36, 42, nonchè dell’art. 490 c.c., in relazione all’art. 360c.p.c., comma 1, n. 3”.

Sostiene l’Agenzia che la sentenza della Commissione Tributaria Regionale, ritenendo illegittimo, nel caso all’esame, l’avviso di liquidazione dell’imposta principale di successione con cui sono state disconosciute le passività del patrimonio del de cuius, per essere sufficiente che gli eredi che hanno accettato con beneficio d’inventario dimostrino l’esistenza e l’ammontare di dette passività mediante il verbale di inventario redatto dal cancelliere del Tribunale, violerebbe del D.Lgs. n. 346 del 1990, artt. 23, 27 e 36, in combinato disposto con l’art. 2697 c.c., secondo cui solo i documenti indicati in maniera specifica ed analitica nell’art. 23 citato costituiscono prova dell’esistenza dei debiti deducibili dal patrimonio del de cuius.

1.1. Il motivo è fondato nei termini appresso precisati.

E’ stato da questa Corte già affermato che, ai fini della determinazione dell’imposta di successione, l’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario non implica alcuna deducibilità delle passività diversa da quella ordinaria prevista per l’accettazione pura e semplice del D.Lgs. 20 ottobre 1990, n. 346, artt. 20 e segg., ma rileva in sede di riscossione dell’imposta, essendo la responsabilità dell’erede (o del coerede) beneficiato, ai sensi dall’art. 36, comma 2, del D.Lgs. citato, contenuta “nel limite del valore della propria quota ereditaria”, con la conseguenza che solo nel momento della riscossione dell’imposta le risultanze dello stato di graduazione civilistico, divenuto definitivo, possono assumere rilevanza per determinare il valore dei beni concretamente ed effettivamente pervenuti al predetto erede, nel rispetto del limite della sua responsabilità per l’imposta di successione, determinata secondo le regole fiscali ordinarie (Cass. 11/02/2011, n. 3349; v. anche Cass. 24/10/2008, n. 25670).

E’ stato altresì precisato che, in tema di imposta sulle successioni, il regime di deducibilità dei debiti della massa ereditaria – disciplinato del D.Lgs. n. 346 del 1990, artt. da 20 a 24 – va ricostruito nel senso che tali debiti sono deducibili, purchè sussistano le condizioni previste dall’art. 21 e subordinatamente alle dimostrazioni, integranti sistema di prova legale, prescritte dall’art. 23 (v. Cass. 26/11/2007, n. 24547).

Alla luce dei principi sopra riportati, che vanno ribaditi in questa sede, risulta fondata la censura erariale relativa all’inidoneità della documentazione prodotta (verbale di inventario redatto dal cancelliere del Tribunale di Taranto) a supporto delle dedotte passività, non risultando tale documentazione tra quella analiticamente e specificamente indicata dal D.Lgs. n. 346 del 1990, art. 23.

2. Il ricorso per cassazione proposto deve essere, pertanto, accolto. La sentenza impugnata va conseguentemente cassata.

La causa si presta ad essere decisa nel merito ex art. 384 c.p.c. e, non essendo necessari ulteriori accertamenti di fatto, va, alla luce di quanto sopra evidenziato, rigettato il ricorso introduttivo proposto dalle contribuenti.

3. Tenuto conto della particolarità della questione esaminata, vanno compensate integralmente, tra le parti, le spese dell’intero giudizio.

PQM

La Corte accoglie il ricorso per cassazione; cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo proposto dalle contribuenti; compensa integralmente tra le parti le spese dell’intero giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Tributaria Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 24 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 22 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA