Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4560 del 21/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 21/02/2020, (ud. 27/11/2019, dep. 21/02/2020), n.4560

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – rel. Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10890-2018 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

M.G.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1332/11/2017 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della SICILIA, depositata il 06/04/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 27/11/2019 dal Consigliere Relatore Dott. CROLLA

COSMO.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1.Con sentenza n. 1332/11/17, depositata in data 6 aprile 2017, la Commissione tributaria regionale della Sicilia rigettava l’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate avverso la sentenza n. 469/5/10 della Commissione tributaria provinciale di Agrigento che aveva parzialmente accolto il ricorso di M.G. relativo all’avviso di accertamento per II.DD. e IVA 2002. La ripresa traeva origine da controlli all’esito dei quali veniva rilevata l’omessa presentazione di dichiarazioni di inizio attività di impresa di allevamento e di mancate dichiarazioni annuali IRAP e IVA, con conseguente accertamento di reddito imponibile non dichiarato, omessa fatturazione e irregolare tenuta delle scritture contabili;

2.La CTR confermava la decisione di primo grado nell’escludere i presupposti dell’attività di impresa di allevamento e avverso tale decisione ha proposto ricorso per cassazione l’Agenzia delle Entrate deducendo un unico motivo. Il contribuente non si è difeso, restando intimato.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1.Con l’unico motivo di ricorso – dedotto ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 -, l’Ufficio lamenta la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, comma 2, lett. d), e dell’art. 2729 c.c., per non aver la CTR, nel confermare la decisione di primo grado, tenuto conto della legittima applicazione del metodo di accertamento induttivo, a fronte della omessa dichiarazione dell’attività di allevamento bovini riscontrata.

2. Il motivo è infondato in quanto non coglie non coglie la “ratio decidendi” della impugnata sentenza.

2.1 La CTR non ha messo in discussione la legittimità dell’accertamento induttivo ma è giunta, sulla scorta degli elementi e degli accertamenti di fatto, ben spiegati nella motivazione e non oggetto di specifica censura da parte del ricorrente, a ritenere che la fattispecie possa essere inquadrata nella disciplina di cui al D.P.R. n. 917 del 1986, art. 32, comma 2, lett. b) laddove dispone che è considerata attività agricola, e quindi sottratta alla disciplina del reddito di impresa e tassata come reddito agrario, l’allevamento di animali con mangimi ottenibili per almeno un quarto del terreno.

3. Ne consegue il rigetto del ricorso.

4. Nulla è da statuire sulle spese processuali non essendosi il contribuente costituito.

P.Q.M.

La Corte, rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 27 novembre 2019.

Depositato in cancelleria il 21 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA