Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4546 del 24/02/2010

Cassazione civile sez. trib., 24/02/2010, (ud. 23/02/2010, dep. 24/02/2010), n.4546

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – rel. Presidente –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

G.S., elettivamente domiciliata in Roma, via Montello

n. 30, presso lo studio dell’avv. Francesco di Gangi, rappresentata e

difesa dall’avv. PELLEGRINO Luciano;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del direttore pro tempore e

AMMINISTAZIONE DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del ministro

pro tempore;

– intimate –

per la correzione della sentenza Corte di Cassazione 6.3.2009 n.

5530.

Letta la relazione scritta redatta dal relatore;

constatata la regolarità delle comunicazioni di cui all’art. 380 bis

c.p.c., comma 3;

preso atto dell’istanza di correzione della sentenza e constata la

regolarità della relativa notifica alla controparte;

esaminati gli atti di causa.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

– Che questa Corte, con la sentenza 6.3.2009 n. 5530, nel dichiarare la nullità della decisione Commissione tributaria regionale della Sicilia n. 53/15/02 depositata il 14.5.2 002, unitamente a quella di primo grado, per violazione di contraddittorio necessario, ha, in dispositivo, rinviato la causa “innanzi alla Commissione tributaria provinciale di Napoli”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

– Che il denunciato errore materiale (rinvio della causa alla Commissione tributaria provinciale di Napoli anzichè a quella di Palermo) appare inequivocabilmente rivelato dal fatto che in motivazione era stata prospettata la “rimessione della causa al primo giudice”;

ritenuto:

– che la proposta istanza di correzione materiale va, pertanto, accolta.

P.Q.M.

Visto l’art. 391 bis c.p.c.;

dispone la correzione della sentenza 6.3.2009 n. 5530, nel senso che il rinvio della causa deve essere inteso effettuato alla Commissione tributaria provinciale di Palermo anzichè a quella di Napoli;

manda alla cancelleria per l’annotazione sull’originale della sentenza e per le comunicazioni di rito.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 23 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 24 febbraio 2010

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA