Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4526 del 21/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 21/02/2020, (ud. 20/11/2019, dep. 21/02/2020), n.4526

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 32418-2018 proposto da:

A.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONINO NOVELLO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), in persona del Ministro pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso il decreto n. R.G. 2930/2017 del TRIBUNALE di CALTANISSETTA,

depositato il 18/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/11/2019 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

Fatto

RILEVATO

che:

A.A., nigeriano, ricorre per cassazione contro il decreto del tribunale di Caltanissetta che ne ha rigettato le domande di protezione internazionale e umanitaria;

articola tre motivi ai quali il ministero dell’Interno replica con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

col primo mezzo il ricorrente denunzia la violazione o falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c., del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 3 e 5, per non avere il tribunale applicato il principio dell’onere probatorio attenuato e per non aver valutato la credibilità del richiedente secondo i parametri normativi evocati;

col secondo mezzo il ricorrente denunzia la violazione o falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c., e del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), per non avere il tribunale riconosciuto l’esistenza di una minaccia grave alla vita derivante da situazione di violenza indiscriminata;

col terzo mezzo infine il ricorrente denunzia la violazione o falsa applicazione dell’art. 112 c.p.c., dell’art. 19T.U. immigrazione, del D.Lgs. n. 25 del 2008, artt. 8 e 32, per avere il tribunale mancato di valutare la gravità della situazione interna della Nigeria in relazione alla condizione di omosessualità da esso addotta;

il ricorso è inammissibile per le seguenti ragioni;

il primo e il terzo mezzo si infrangono contro la valutazione di non credibilità del racconto del richiedente, incentrato sulla asserita sua condizione di omosessuale;

il tribunale ha ritenuto non affidabile il suddetto racconto dopo averne messo in evidenza la genericità e la contraddittorietà, esattamente applicando proprio i parametri normativi dal ricorrente richiamati nel primo motivo;

in questa prospettiva il ricorso si risolve in un tentativo di rivisitazione del giudizio di merito, volta che quello sulla credibilità personale è un sindacato di fatto, non censurabile in sede di legittimità;

poichè la protezione umanitaria era stata chiesta – come dal ricorso emerge – sulla base di una condizione di vulnerabilità allegata come dipendente dalla suddetta condizione di omosessualità, è ovvio che la valutazione negativa al riguardo resa dal tribunale assorbe (e rende inammissibile) anche la censura di cui al terzo motivo;

il secondo motivo è inammissibile perchè iI tribunale ha infine ritenuto insussistente, nell'(OMISSIS), la dedotta situazione di violenza generalizzata da conflitto armato;

la motivazione si incentra su una valutazione di merito, rettamente argomentata mediante riferimento alle fonti informative compulsate;

come tale è insindacabile in questa sede;

le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in 2.100,00 EUR, oltre le spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 20 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 21 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA