Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4520 del 26/02/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 1 Num. 4520 Anno 2014
Presidente: SALME’ GIUSEPPE
Relatore: CECCHERINI ALDO

SENTENZA

sul ricorso 10404-2007 proposto da:
NICOLI’ COSTRUZIONI S.R.L. (P.I. 02629020757), in
persona del legale rappresentante pro tempore,
elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MANTEGAZZA

Data pubblicazione: 26/02/2014

24, presso l’avvocato RAMPINO GABRIELE (STUDIO
GARDIN), che la rappresenta e difende, giusta
2014

procura a margine del ricorso;
– ricorrente –

1

contro

COMUNE DI ALEZIO;

1

- intimato –

sul ricorso 13980-2007 proposto da:
AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ALEZIO, in persona del
Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliata in
ROMA, VIALE G. MAllINI, 73, presso l’avvocato DEL

dall’avvocato STASI ANGELA, giusta procura a
margine del controricorso e ricorso incidentale
condizionato; -C.f0 0 6 0/1q

0

controricorrente e ricorrente incidentale contro

IMPRESA NICOLI’ COSTRUZIONI S.R.L.;
– intimata-

avverso la sentenza n. 839/2006 della CORTE
D’APPELLO di LECCE, depositata il 18/12/2006;
udita la relazione della causa svolta nella
pubblica udienza del 08/01/2014 dal Consigliere
Dott. ALDO CECCHERINI;
udito, per la ricorrente, l’Avvocato GABRIELE

VECCHIO ARNALDO, rappresentata e difesa

RAMPINO che ha chiesto l’accoglimento del ricorso
principale, il rigetto dell’incidentale;
udito,

per la controricorrente e ricorrente

incidentale, l’Avvocato LUIGI PASTORE, con delega,
che ha chiesto il rigetto del ricorso principale,
l’accoglimento dell’incidentale;
4

2

udito

il

P.M.,

in

persona

del

Sostituto

Procuratore Generale Dott. LUCIO CAPASSO che ha
per

principale,

per

l’improcedibilità

del

ricorso

l’assorbimento

del

ricorso

incidentale.
——

7

concluso

3

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
1.

L’impresa Nicalì Valentino propose davanti al

Tribunale di Lecce domanda nei confronti del Comune di
Alezio, di pagamento dell’arricchimento senza causa pro-

per conto dell’ente.

2.

La domanda è stata accolta in

parte dal tribunale con sentenza 2 aprile 2002, ma la
Corte d’appello di Lecce, con sentenza 18 dicembre 2006,
in riforma di essa, ha respinto la domanda attrice.
3. Per la cassazione di questa sentenza, che dichiara essergli stata notificata il 25 gennaio 1007, ricorre l’Impresa Nicolì Costruzioni s.r.l. per due motivi, illustrati anche con memoria.
Il Comune di Alezio resiste con controricorso e ricorso incidentale condizionato per un motivo, e con memoria.
MOTIVI DELLA DECISIONE

4. I due ricorsi, proposti contro la stessa sentenza, devono essere riuniti.
5. Il ricorso principale è improcedibile. In esso
si afferma che la sentenza impugnata è stata notificata
il giorno 25 gennaio 2007. La copia notificata della
sentenza, tuttavia, non è reperibile negli atti di causa, dove è presente bensì una copia autentica, che tut4

vocato dall’esecuzione, da parte dell’impresa, di lavori

tavia è priva della relazione di notifica, come è stato
segnalato nel corso della discussione orale. La copia
notificata non(stata depositata in cancelleria insieme
al ricorso, o in ogni caso nel termine utile indicato
dall’art. 369 c.p.c. a pena d’improcedibilità.

Alezio è assorbito dall’improcedibilità del ricorso
principale.
7. Le spese sono a carico della parte ricorrente, e
sono liquidate come in dispositivo.

P. q. m.

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
Si attesta la registrazione presso
l’Agenzia delle Entrate di Roma 2
venata
serie 4 al n.

li. RARNMUMI O

La Corte riunisce i ricorsi; dichiara improcedibile
il ricorso principale e assorbito quello incidentale;

condanna il ricorrente principale al pagamento delle
spese del giudizio di legittimità, liquidate ori complessivi C 2.700,00, di cui E 2.000,00 per compenso, oltre
agli oneri accessori di legge.
Così deciso a Roma, nella camera di consiglio della
prima sezione civile della Corte suprema di cassazione,
il giorno 8 gennaio 2014.

6. Il ricorso incidentale condizionato del Comune di

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA