Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4505 del 11/02/2022

Cassazione civile sez. VI, 11/02/2022, (ud. 11/01/2022, dep. 11/02/2022), n.4505

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FERRO Massimo – Presidente –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. AMATORE Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7329-2021 proposto da:

O.G., domiciliato presso la cancelleria della CORTE DI

CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentato e difeso

dall’avvocato ANDREA MAESTRI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO COMMISSIONE TERRITORIALE PROTEZIONE

INTERNAZIONALE BOLOGNA, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende, ope

legis;

– resistente-

avverso la sentenza n. 2338/2020 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 04/09/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di Consiglio non

partecipata dell’11/01/2022 dal Consigliere Relatore Don. TERRUSI

FRANCESCO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

O.G., nigeriano, ricorre per cassazione contro la sentenza della corte d’appello di Bologna in data 4 settembre 2020 che ne ha respinto il gravame in tema di protezione internazionale;

il Ministero dell’interno ha depositato un semplice foglio di costituzione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

in unico contesto il ricorrente denunzia la violazione e falsa applicazione degli artt. 2,22 e 117 Cost., della Convenzione di Ginevra sui rifugiati e del t.u. imm., artt. 5 e 19, del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3 e art. 14, lett. c), del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 8;

il ricorso è inammissibile perché assolutamente generico;

la corte territoriale ha negato ogni credibilità al racconto del richiedente, incentrato sul timore di subire trattamenti degradanti e discriminatoria a cagione della sua omosessualità;

la critica del ricorrente, del tutto generica come detto, non è confacente al paradigma del giudizio di legittimità, neppure comprendendosi a quale misura tutoria (se rifugio, protezione sussidiaria o protezione umanitaria) egli abbia inteso riferire la censura;

in ogni caso si scontra col motivato giudizio di non credibilità personale, che integra una valutazione in fatto;

l’atto di costituzione dell’avvocatura dello Stato non costituisce controricorso, per cui non devesi provvedere sulle spese processuali.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 11 gennaio 2022.

Depositato in Cancelleria il 11 febbraio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA