Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4458 del 21/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 21/02/2017, (ud. 15/12/2016, dep.21/02/2017),  n. 4458

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16888-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

M.M.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 7878/14/2014 emessa il 2/12/2014 della

Commissione Tributaria Regionale di ROMA, depositata il 23/12/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 15/12/2016 dal Consigliere Dott. VELLA PAOLA.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

1. il giudizio concerne l’impugnazione – accolta dai giudici di entrambi i gradi di giudizio di merito – di un avviso con cui sono state irrogate ad un intermediario D.P.R. n. 322 del 1998, ex art. 3, tante sanzioni D.Lgs. n. 241 del 1997, ex art. 7 – bis, quanti erano i files di trasmissione tardiva della dichiarazione, con applicazione del cumulo materiale e non giuridico D.Lgs. n. 472 del 1997, ex art. 12;

2. all’esito della camera di consiglio, il Collegio ha disposto l’adozione della motivazione in forma semplificata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

3. l’amministrazione ricorrente cita, a sostegno della tesi del cumulo materiale, il precedente di Cass. n. 23123/13, che però è rimasto isolato, prevalendo il contrario orientamento favorevole, in ipotesi del genere, al cumulo giuridico in forza del principio del favor rei (Cass. nn. 12682/15, 11742/15, 11741/15, 21570/16 e 13237/16, quest’ultima con specifico riferimento alla distinzione tra violazioni formali e non formali anche nei confronti dell’intermediario);

4. la mancata costituzione dell’intimato esclude la necessità di una pronuncia sulle spese, che restano a carico della parte ricorrente soccombente;

5. risultando soccombente una parte ammessa alla prenotazione a debito del contributo unificato, in quanto amministrazione pubblica difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, non si applica il D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 – quater, (Cass. S.U. Sent. n. 9338/14; conf. Cass. sez. 4-L, ord. n. 1778/16 e 6-T, ord. n. 18893/16).

PQM

rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 15 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 21 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA