Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4394 del 23/02/2010

Cassazione civile sez. lav., 23/02/2010, (ud. 21/12/2009, dep. 23/02/2010), n.4394

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAVAGNANI Erminio – Presidente –

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. TOFFOLI Saverio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 1178/2009 proposto da:

V.G.A., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

BALDO DEGLI UBALDI 71, presso lo studio dell’avvocato MORICHI

MASSIMILIANO, rappresentata e difesa dall’avvocato FRUNZI ANTONIO,

giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

DELLA FREZZA N. 17, presso l’AVVOCATURA CENTRALE DELL’ISTITUTO,

rappresentato e difeso dagli Avvocati RICCIO ALESSANDRO, NICOLA

VALENTE, CLEMENTINA PULLI, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 9277/2 007 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI del

21/12/07, depositata il 02/01/2008;

è presente il P.G. in persona del Dott. CARLO DESTRO.

 

Fatto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La Corte pronuncia in camera di consiglio ex art. 375 c.p.c., a seguito di relazione ex art. 380 bis c.p.c..

La Corte d’appello di Napoli, confermando la sentenza di primo grado, rigettava al domanda proposta da V.G.A., di riconoscimento del diritto all’indennità di accompagnamento.

La Corte, esaminata e valutata la consulenza tecnica espletata in appello, aderiva alle conclusioni della stessa, secondo cui il soggetto, pur affetto da psicosi fobica con insufficienza mentale lieve in sufficiente compenso farmacologico, spondiloartrosi, coxartrosi, gonoartrosi, artrosi dei piedi e bilaterale delle mani con moderato deficit funzionale prensile, ipoacusia bilaterale, non risultava privo dell’autosufficienza e impedito nella deambulazione.

La V. propone ricorso per cassazione. L’Inps resiste con controricorso.

Il ricorso, che denuncia violazione e falsa applicazione della L. n. 18 del 1980, art. 1, e successive modifiche e insufficienza di motivazione, è qualificabile come manifestamente infondato, oltre che inammissibile sotto il profilo della violazione di norme di diritto, in mancanza del quesito di diritto ex art. 366 bis c.p.c..

Quanto al vizio di motivazione, in sostanza il ricorso si limita ad esporre in termini alquanto generici una critica nel merito circa la valutazione della incidenza della patologia psichica e di quella osteo-articolare, e per quanto riguarda la prima, in particolare, riferisce un passo di cui non è chiarito se appartiene alla relazione della prima c.t.u. o di quella svolta in appello, comunque trascurando la precisazione riferita in sentenza che la patologia era in sufficiente compenso farmacologico.

Il ricorso deve quindi essere rigettato.

Non deve disporsi per le spese del giudizio, ex art. 152 disp. att. c.p.c., nel testo anteriore a quello di cui al D.L. 30 settembre 2003, n. 269, art. 42, comma 11, convertito con modificazioni dalla L. 24 novembre 2003, n. 326, non applicabile ratione temporis.

PQM

La Corte rigetta il ricorso; nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 21 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 23 febbraio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA