Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4387 del 21/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 21/02/2017, (ud. 13/12/2016, dep.21/02/2017),  n. 4387

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. RUBINO Lina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23613/2015 proposto da:

CONSORZIO AGRARIO INTERPROVINCIALE SALERNO NAPOLI & AVELLINO

SCARL IN LIQUIDAZIONE COATTA AMMINISTRATIVA, in persona del

Commissario liquidatore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G.B.

VICO 31, presso lo studio dell’avvocato ENRICO SCOCCINI, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato NICOLA BOSCO, giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

FATA ASSICURAZIONI DANNI SPA, in persona dell’Amministratore Delegato

e Direttore Generale, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE BRUNO

BUOZZI 82, presso lo studio dell’avvocato GREGORIO IANNOTTA, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato ENRICO IANNOTTA,

giusta procura in calce al ricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1214/2015, del 6 novembre 2015, della CORTE

D’APPELLO di ROMA, depositata il 19/02/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

13/12/2016 dal Consigliere Relatore Dott. LINA RUBINO;

udito l’Avvocato Scoccini Enrico, per la ricorrente, che chiede

attendersi pronuncia delle SS.UU. per la procedibilità del ricorso.

Fatto

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

E’ stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

“il Consorzio Agrario Interprovinciale Salerno Napoli e Avellino s.c. a r.l. in liquidazione ha depositato ricorso, articolato in tre motivi, per la cassazione della sentenza n. 1264/2015, depositata dalla Corte d’Appello di Roma il 19.2.2015 e notificata al ricorrente a mezzo pec (per sua stessa affermazione contenuta nel ricorso a pag. 1) il 10.7.2015, nei confronti di Fata Ass.ni Danni s.p.a..

Con la predetta sentenza la Corte d’appello confermava la sentenza di primo grado con la quale da un lato si accertava la sussistenza di un credito del Consorzio verso Fata, dall’altro lo si dichiarava estinto per compensazione.

La Fata ha depositato controricorso.

Il ricorso può essere trattato in Camera di consiglio, in applicazione degli artt. 376, 380 bis e 375 c.p.c., in quanto appare destinato ad essere dichiarato improcedibile.

Il ricorrente non ha infatti ottemperato all’obbligo, imposto dall’art. 369 c.p.c., comma 2, n. 2, di depositare insieme al ricorso nella cancelleria della Corte copia autentica della sentenza impugnata con la relazione di notificazione se questa – come nella specie riferisce lo stesso ricorrente – è avvenuta.

Il ricorrente si è limitato a depositare, come verificato da un attento riscontro nel fascicolo di parte, copia conforme, e non la copia notificata della sentenza stessa.

E’ noto che la prima sezione di questa Corte, con ordinanza interlocutoria n. 1081 del 21 gennaio 2016, ha rimesso al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, la questione riguardante la procedibilità, o meno, del ricorso per cassazione quando la copia notificata della sentenza impugnata, non depositata dal ricorrente che pure abbia dichiarato l’esistenza di tale evento, sia stata prodotta da un’altra parte nel giudizio di legittimità, e tuttavia, non si ravvisa la necessità di attendere la decisione delle Sezioni Unite atteso che, nel caso di specie, neppure tra i documenti depositati nel giudizio di cassazione dalla parte controricorrente, riportati nell’indice in calce al controricorso, compare la copia notificata della sentenza di appello, per cui la definizione della questione da parte delle Sezioni Unite nessuna incidenza potrebbe spiegare nel presente giudizio.

Si aggiunga che il deposito della copia notificata è previsto dall’art. 369, a salvaguardia del potere-dovere del giudice di verificare la tempestività della proposizione del ricorso nel termine breve decorrente dalla notifica della sentenza impugnata. Si può evitare la declaratoria di improcedibilità soltanto laddove il ricorso, benchè non accompagnato dal deposito della copia notificata della sentenza impugnata, sia comunque stato proposto entro il termine breve per proporre opposizione e quindi risulti per altro verso indubbiamente tempestivo: circostanza non verificatasi nel caso di specie, in cui la sentenza è stata depositata il 19.2.2015, e il ricorso è stato notificato il 7 ottobre 2015.

L’improcedibilità del ricorso esime dall’esaminare ed anche dal dover riportare i motivi di ricorso.

Si propone pertanto la declaratoria di improcedibilità”.

Il Collegio, riunito in Camera di consiglio, esaminato anche il contenuto delle memorie depositate da entrambe le parti, ritiene di condividere il contenuto della relazione.

Il ricorso proposto va pertanto dichiarato improcedibile.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come al dispositivo.

Atteso che il ricorso per cassazione è stato proposto in tempo posteriore al 30 gennaio 2013, ed in ragione della soccombenza del ricorrente, la Corte, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

PQM

La Corte dichiara improcedibile il ricorso. Pone a carico del ricorrente le spese di giudizio sostenute dalla controricorrente, che liquida in complessivi Euro 4.200,00, di cui Euro 200,00 per spese, oltre contributo spese generali ed accessori.

Dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Corte di Cassazione, il 13 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 21 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA