Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4378 del 23/02/2011

Cassazione civile sez. trib., 23/02/2011, (ud. 21/12/2010, dep. 23/02/2011), n.4378

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. D’ALONZO Michele – Consigliere –

Dott. PARMEGGIANI Carlo – rel. Consigliere –

Dott. DIDOMENICO Vincenzo – Consigliere –

Dott. FERRARA Ettore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 16706-2006 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12 presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– ricorrente –

contro

C.A. già titolare della ditta individuale “AUTOPIU'”,

elettivamente domiciliato in ROMA VLE ANGELICO 35 presso lo studio

dell’avvocato ACCARDO FABIO, rappresentato e difeso dall’avvocato

GIORDANO VINCENZO, giusta delega in atti;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 25/2005 della COMM. TRIB. REG. di NAPOLI,

depositata il 05/04/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

21/12/2010 dal Consigliere Dott. CARLO PARMEGGIANI;

udito per il ricorrente l’Avvocato GUIDA MARIA LETIZIA, che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

BASILE Tommaso che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Sulla base di un processo verbale di constatazione della Guardia di Finanza, l’allora Ufficio delle Imposte Dirette di Teano notificava ad C.A. titolare della ditta Autopiù, esercente la attività di intermediazione nella vendita di autoveicoli usati, avviso di accertamento con il quale, rilevata la esistenza di un maggior numero di contratti conclusi rispetto a quelli contabilizzati, elevava il reddito imponibile a fini IRPEF relativo all’anno 1996, applicando le relative sanzioni.

Il contribuente impugnava l’avviso innanzi alla Commissione Tributaria Provinciale di Caserta, sostenendone la illegittimità e la infondatezza sotto vari profili.

La Commissione respingeva il ricorso.

Appellava il contribuente e la Commissione Tributaria Regionale della Campania con sentenza n. 25/15/05 in data 28-2-05, depositata in data 5-4-05, accoglieva il gravame, ritenendo l’accertamento nullo perchè fondato su elementi meramente presuntivi.

Avverso la sentenza propone ricorso per cassazione la Agenzia delle Entrate, con un motivo.

Resiste il contribuente con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l’unico motivo la Agenzia deduce violazione e falsa applicazione dell’artt. 2697, 2722, 2727, 2729 e 2730 c.c., degli artt. 115 e 116 c.p.c., ed insufficiente ed illogica motivazione su punti decisivi della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., nn. 3, 4 e 5.

Espone che l’avviso era fondato sui dati emersi in sede di verifica, ove era stata compiuta una perquisizione domiciliare che aveva consentito la acquisizione di documentazione extra contabile consistente in dichiarazioni di vendita e registri da cui emergeva in modo analitico il numero dei contratti stipulati con l’intervento della ditta Autopiù, nonchè gli estremi identificativi della vetture commerciate, delle parti interessate e dei prezzi di vendita, elementi che avevano consentito la ricostruzione analitica della attività reale della ditta.

Evidenzia che in presenza di tale imponente apparato probatorio, a fronte del quale era onere del contribuente fornire rigorosa prova contraria, la Commissione aveva accolto l’appello del contribuente motivando con poche frasi assolutamente generiche, in cui gli elementi dell’Ufficio erano stati definiti meramente presuntivi e privi di valore probatorio, senza spiegare i motivi alla base di tale giudizio, con sostanziale inesistenza della motivazione.

Il contribuente in controricorso sostiene la infondatezza dell’assunto della Agenzia.

Il motivo è fondato sotto il profilo del difetto di motivazione, sul preliminare punto della attendibilità degli elementi presuntivi utilizzati dall’ufficio (dovendosi quindi indurre che il motivo di appello sulla sostenuta inutilizzabilità della prove stesse sia stato implicitamente rigettato).

La sentenza, dopo avere dato atto che l’accertamento si fondava su note ed appunti reperiti in casa del contribuente, in sostanza una contabilità parallela, afferma che tali elementi sono “incerti ed aleatori” “senza alcun riferimento a fatti o persone” e pertanto “privi di valore probatorio”.

La Commissione omette del tutto di spiegare in cosa tali note ed appunti consistessero, quali fossero i dati concretamente esposti, perchè fossero privi di valore probatorio nonostante fossero stati custoditi nella abitazione del contribuente. Non spiega inoltre, dopo avere dato atto che sulla base di tali appunti l’Ufficio era stato in grado di operare una ricostruzione analitica della attività del contribuente, in forza di quali rilievi concreti le note in questione potessero essere considerate prive “di riferimenti a fatti o a persone”, cioè, secondo il dato letterale, a priori inidonee a consentire qualsivoglia ricostruzione, a prescindere dal grado di attendibilità della stessa.

La motivazione è quindi in parte meramente apparente, ed in parte intrinsecamente contradditloria, con verificazione del vizio di cui all’art. 360 c.p.c., n. 5.

La sentenza deve quindi essere cassata e rinviata per nuovo esame a diversa sezione della Commissione Tributaria Regionale della Campania, che provvederà anche sulle spese di questa fase di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese a diversa sezione della Commissione Tributaria Regionale della Campania.

Così deciso in Roma, il 21 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 23 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA