Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4259 del 17/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. II, 17/02/2017, (ud. 13/01/2017, dep.17/02/2017),  n. 4259

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAZZACANE Vincenzo – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Consigliere –

Dott. ORICCHIO Antonio – rel. Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7684-2012 proposto da:

CONSORZIO COOPERATIVE COSTRUZIONI, (OMISSIS), IN PERSONA DEL LEGALE

RAPP.TE P.T., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA POMPEO MAGNO 3,

presso lo studio dell’avvocato SAVERIO GIANNI, che lo rappresenta e

difende unitamente agli avvocati LUCIO SOLAZZI, ANTONELLA MICELE;

– ricorrente –

contro

COOP EDIFICATRICE COMPRENSORIALE MURRI, IN PERSONA DEL LEGALE RAPP.TE

P.T., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIULIO VENTICINQUE 23,

presso lo studio dell’avvocato PAOLO URBANI, rappresentata e difesa

dall’avvocato MARCO D’APOTE per proc. spec. del 31/7/2014 rep. n.

560;

– controricorrente –

e contro

B.M., + ALTRI OMESSI

– intimati –

avverso la sentenza n. 207/2011 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 10/02/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

13/01/2017 dal Consigliere Dott. ANTONIO ORICCHIO;

udito l’Avvocato Emilia Spiniello con delega depositata in udienza

dell’Avv. Saverio Gianni difensore del ricorrente che deposita

originale atto di rinuncia con accettazione e notifiche;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DEL

CORE Sergio, che ha concluso per l’estinzione per rinuncia.

Fatto

RITENUTO IN DIRITTO

1. Il ricorrente Consorzio, di cui in epigrafe, proponeva ricorso avverso la sentenza n. 207/2011 della Corte di Appello di Bologna.

La sola Cooperativa Murri si costituiva nel presente giudizio con apposito controricorso.

Come da documentazione di cui alla nota di deposito in cancelleria del 12 gennaio 2017 (rinunzia al ricorso e relative notifiche) risulta che entrambe le parti in causa, “a seguito di intese hanno definito la controversia….e sono addivenute alla comune decisone di definire il medesimo a spese integralmente compensate”.

2.- Deve, pertanto e conseguentemente, dichiararsi estinto il processo.

Nulla per le spese.

PQM

LA CORTE

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 13 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA