Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4246 del 17/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 17/02/2017, (ud. 10/01/2017, dep.17/02/2017),  n. 4246

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Luigi – Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al numero 28245 del ruolo generale dell’anno

2013, proposto da:

C.F., rappresentato e difeso, giusta procura speciale

in calce al ricorso, dall’avv. Nicola Armienti, presso lo studio del

quale in Roma, alla piazza Pontida, n. 3, elettivamente si

domicilia;

– ricorrente-

contro

Agenzia delle entrate, in persona del direttore pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, presso

gli uffici della quale in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12, si

domicilia;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Puglia, sezione 11, depositata in data 14 giugno

2013, n. 83/11/13;

udita la relazione sulla causa svolta alla pubblica udienza in data

10 gennaio 2017 dal consigliere PENINO Angelina – Maria;

uditi per il contribuente l’avv. Nicola Armienti e per l’Agenzia

delle entrate l’avvocato dello Stato Giancarlo Caselli;

udito il pubblico ministero, in persona del sostituto procuratore

generale DE AUGUSTINIS Umberto, che ha concluso per l’accoglimento

del primo motivo, assorbiti gli altri.

Fatto

L’Agenzia delle entrate in relazione all’anno d’imposta 2004 ha accertato a carico del contribuente maggiore materia imponibile ai fini delle imposte dirette e dell’iva, utilizzando l’indice di ricarico mediamente applicato nel settore di appartenenza, pari al 2,14%, in luogo di quello utilizzato dal contribuente, pari all’1,31%. Ciò in quanto l’esame dei dati contabili aveva evidenziato una rilevante sproporzione tra i ricavi ed i costi dichiarati, tale da concretare una condotta gravemente antieconomica. Il contribuente ha impugnato l’avviso, ottenendone l’annullamento dalla Commissione tributaria provinciale, là dove quella regionale ha parzialmente accolto l’appello dell’Ufficio, rideterminando il reddito d’impresa nella misura pari al 40% di quello accertato, giacchè, ha rilevato, per un verso la valutazione dell’ufficio non si è snodata per tre anni d’imposta e, per altro verso, non ha tenuto conto dell’ubicazione dell’azienda nei pressi di supermercati di rilevanti dimensioni. Avverso questa sentenza propone ricorso il contribuente per ottenerne la cassazione, che articola in due motivi, cui l’Agenzia replica con controricorso.

Diritto

1. – Il collegio ha autorizzato la redazione della motivazione in forma semplificata, giusta il decreto del Primo Presidente del 14 settembre 2016.

2. – Il primo motivo di ricorso, col quale il ricorrente si duole della violazione e falsa applicazione di norme di diritto per carenza di motivazione e dell’omesso esame circa fatti decisivi della controversia presenta plurimi profili d’inammissibilità:

– quanto alla sua formulazione, che ricorre alla esposizione frammista di plurimi profili di censura, concernenti la nullità della sentenza per carenza della motivazione ex art. 132 c.p.c., la violazione dell’art. 113 c.p.c., comma 2, e la contraddittorietà della motivazione. Giova sottolineare che, se è vero che il fatto che un singolo motivo sia articolato in più profili di doglianza, ciascuno dei quali avrebbe potuto essere prospettato come un autonomo motivo, non costituisce, di per sè, ragione d’inammissibilità dell’impugnazione, altresì vero è che la formulazione del motivo deve consentire di cogliere con chiarezza le doglianze prospettate, esattamente negli stessi termini in cui lo si sarebbe potuto fare se esse fossero state articolate in motivi diversi, singolarmente numerati (Cass., sez. un., n. 9100/15): nel caso in esame, la formulazione di più profili di censura svolta in maniera inscindibile ne ha determinato l’inestricabile promiscuità (in termini, Cass., n. 1708/17);

– quanto al profilo del vizio di motivazione, si pone in contrasto col principio di diritto, applicabile ratione temporis, secondo il quale la riformulazione dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, disposta dal D.L. n. 83 del 2012, art. 54, conv. con L. n. 134 del 2012, deve essere interpretata, alla luce dei canoni ermeneutici dettati dall’art. 12 Preleggi, come riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimità sulla motivazione, rimanendo esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione (Cass., sez. un., n. 8053 e 8054/14, nonchè, tra varie, sez. un. 19881 del 2014).

2.1. – In particolare, l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sè, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo, qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorchè la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie (tra varie, Cass., ord. n. 2498/15 e ord. n. 13448/15); per altro verso (Cass. n. 11892/16), il cattivo esercizio del potere di apprezzamento delle prove non legali da parte del giudice di merito non è inquadrabile nel paradigma dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

3. – Analoghe ragioni d’inammissibilità inficiano il secondo motivo di ricorso, col quale il contribuente nuovamente censura l’omesso esame circa un fatto decisivo, la motivazione insufficiente e la violazione e falsa applicazione di norme di diritto, proponendo per di più una rilettura delle risultanze processuali, inibita a questa Corte.

4. – Il ricorso va in conseguenza respinto e le spese seguono la soccombenza. Sussistono i presupposti per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 – quater.

PQM

La Corte:

rigetta il ricorso e condanna il contribuente a pagare le spese, che liquida in Euro 1500,00 per compensi, oltre alle spese prenotate a debito. Dichiara la sussistenza dei presupposti per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater.

Così deciso in Roma, il 10 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA