Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4212 del 09/02/2022

Cassazione civile sez. II, 09/02/2022, (ud. 07/10/2021, dep. 09/02/2022), n.4212

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – rel. Consigliere –

Dott. VARRONE Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7918/2017 proposto da:

L.L., elettivamente domiciliata in Roma, Via A. Secchi 9,

presso lo studio dell’avv. Valerio Zimatore, che la rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

P.C., elettivamente domiciliato in Roma, Via Flaminia 732,

presso lo studio dell’avv. Elvira Riccio, rappresentato e difeso

dall’avvocato Vincenzo Nesci;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1430/2016 della Corte d’appello di Catanzaro,

depositata il 14/09/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/10/2021 dalla consigliera Annamaria Casadonte.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

– la signora L.L. impugna per cassazione la sentenza della Corte d’appello di Catanzaro che ha riformato la sentenza del tribunale di Catanzaro in relazione alle spese di lite;

– il contenzioso tra le parti inizia con la notifica del decreto ingiuntivo effettata da P.C. a L.L. ed B.A. per il pagamento di Euro 73.197,18 oltre accessori, richiesti in base a dichiarazioni sottoscritte dai coniugi ingiunti per prestiti onerosi;

– questi ultimi proponevano opposizione chiedendo la revoca del decreto ingiuntivo con la rideterminazione dell’importo dovuto;

– nel giudizio di opposizione si costituiva il creditore opposto P. che eccepiva l’infondatezza dell’opposizione;

– all’esito del giudizio di prime cure l’adito tribunale in accoglimento dell’opposizione revocava il decreto ingiuntivo condannando L.L. (deceduto il B. nel corso del giudizio) al pagamento della minore somma di Euro 19.206,00 oltre interessi e condannando il creditore opposto alla rifusione delle spese di lite;

– a seguito di gravame da quest’ultimo proposto, la corte d’appello ha riformato la sentenza impugnata in relazione alla statuizione sulle spese osservando che la condanna dell’opponente, seppure ad una somma ridotta rispetto al quantum richiesto, avrebbe dovuto comportare la compensazione delle spese di lite e non la condanna della parte risultata creditrice di somme alla rifusione integrale delle spese di lite;

– la corte territoriale contestualmente ha rigettato la domanda di risarcimento danni per responsabilità aggravata formulata dalla L., oltre che per difetto della soccombenza totale del P., anche per mancanza in capo ad esso del presupposto della malafede e della colpa grave;

– la corte d’appello decideva, pertanto, di compensare le spese per entrambi i gradi di giudizio nella misura di un mezzo con condanna dell’opponente nei limiti del residuo mezzo;

– la cassazione della sentenza d’appello è chiesta dalla L. con ricorso affidato ad un unico articolato motivo, cui resiste con controricorso P.C..

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– con l’unico motivo del ricorso principale si deduce, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione dell’art. 96 c.p.c., commi 2 e 3, per avere la corte territoriale riformato la statuizione del primo giudice sull’integrale condanna alle spese a carico delle creditore opposto P. nonostante l’accertata non debenza della somma esorbitante il dovuto e proditoriamente richiesta dallo stesso con il decreto ingiuntivo;

– si censura altresì la mancata applicazione nei confronti del P. della sanzione prevista dall’art. 96 c.p.c., commi 2 e 3, nonostante l’accertata malafede dello stesso per avere richiesto una somma esorbitante non dovuta e costituente, ad avviso della ricorrente, sostanzialmente oggetto di giudicato;

– la censura è infondata sia con riguardo al profilo della disposta compensazione per metà in ragione della parziale soccombenza dell’attore sostanziale, sia in relazione alla richiesta applicazione dell’art. 96 c.p.c.;

– con riguardo alla operata compensazione per un mezzo delle spese di lite, essa costituisce applicazione del generale principio (cfr. Cass. 21684/2013; id.3438/2016; id.10113/2018; id. 1268/2020) secondo cui rientra fra i presupposti per la compensazione l’accoglimento solo parziale della domanda attorea, come effettivamente avvenuto nel caso di specie;

– con riguardo alla violazione dell’art. 96 c.p.c., costituisce presupposto ineludibile per l’applicazione della sanzione disciplinata dall’invocato art. 96 c.p.c., la condizione di “soccombente” della parte nei cui confronti la sanzione per responsabilità aggravata è invocata come si desume inequivocabilmente dal tenore letterale della disposizione in esame che così recita:

“1. Se risulta che la parte soccombente ha agito o resistito in giudizio con malafede o colpa grave il giudice, su istanza della parte, la condanna, oltre che alle spese, al risarcimento dei danni, che liquida, anche d’ufficio, nella sentenza.

2. Il giudice che accerta l’inesistenza del diritto per cui è stato eseguito 1 provvedimento cautelare, o trascritta domanda giudiziale, iscritta ipoteca giudiziale, oppure iniziato compiuta l’esecuzione forzata, su istanza della parte danneggiata condanna al risarcimento dei danni dell’attore al creditore procedente, che ha agito senza la normale prudenza. La liquidazione dei danni è fatta a norma del comma precedente.

3. In ogni caso, quando pronuncia sulle spese ai sensi dell’art. 91, il giudice, anche d’ufficio, può altresì condannare la parte soccombente al pagamento, a favore della controparte, di una somma equitativa determinata”;

– come già affermato da questa Corte, la responsabilità aggravata ex art. 96 c.p.c., integra una particolare forma di responsabilità processuale a carico della parte soccombente che abbia agito o resistito in giudizio con mala fede o colpa grave, sicché non può farsi luogo all’applicazione della norma quando non sussista il requisito della totale soccombenza per essersi verificata soccombenza reciproca (cfr. Cass.21590/2009; id.7409/2016; id.24158/2017);

– tale presupposto della soccombenza totale del P. non ricorre nel caso di specie, essendo egli stato riconosciuto creditore seppure di somma inferiore e avuto l’appello fondamento in relazione alla liquidazione delle spese del giudizio di primo grado;

– l’infondatezza del primo profilo della censura sull’applicazione dell’art. 96 c.p.c., rende inammissibile per difetto di interesse la censura in ordine alla contestazione della valutazione operata sulla mala fede e colpa grave del P., essendo la ritenuta ratio decidendi della mancanza della soccombenza totale idonea da sola a giustificare il rigetto della domanda di accertamento della responsabilità aggravata (cfr. Cass. Sez. Un. 7931/2017; Cass. 11493/2018);

– atteso l’esito del ricorso, ed in applicazione del principio della soccombenza, la ricorrente va condannata alla rifusione delle spese di lite nella misura liquidata in dispositivo;

– sussistono i presupposti processuali per il versamento – ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater -, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per l’impugnazione, se dovuto.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente alla rifusione delle spese di lite a favore del controricorrente e liquidate in Euro 1415,00 per compensi ed Euro 200,00 per esborsi, oltre 15% per rimborso spese generali ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Seconda Civile, il 7 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 febbraio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA