Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4203 del 17/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 17/02/2017, (ud. 21/12/2016, dep.17/02/2017),  n. 4203

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SPIRITO Angelo – Presidente –

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3128/2014 proposto da:

M.G., (OMISSIS), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA G G

BELLI 27, presso lo studio dell’avvocato PAOLO MEREU, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato ALBERTO SAVIOZZI,

giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

P.E., SIAT ASSICURAZIONI SPA;

– intimate –

avverso la sentenza n. 1432/2012 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 11/12/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

21/12/2016 dal Consigliere Dott. FRANCESCO MARIA CIRILLO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

BASILE Tommaso, che ha concluso per l’estinzione.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che M.G. ha proposto ricorso per cassazione, nei confronti di P.E. e della società di assicurazione Siat, avverso la sentenza della Corte d’appello di Brescia dell’11 dicembre 2012, con la quale è stata confermata la decisione di primo grado, con compensazione delle spese di appello;

che P.E. e la società di assicurazione Siat non hanno svolto attività difensiva in questa sede;

che successivamente, con atto notificato ad entrambi gli intimati, il M. ha dichiarato di “rinunciare agli atti del giudizio nei confronti di tutti i resistenti”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che, in conseguenza di tale rinuncia, il giudizio di cassazione deve essere dichiarato estinto, ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c.;

che non occorre provvedere sulle spese, atteso il mancato svolgimento di attività difensiva da parte degli intimati;

che, pur trattandosi di ricorso soggetto, ratione temporis, al regime di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, l’estinzione del giudizio per rinuncia non è equiparabile al rigetto o alla dichiarazione di inammissibilità o improcedibilità dell’impugnazione, per cui i ricorrenti non sono tenuti a versare l’ulteriore importo, a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per l’impugnazione medesima.

PQM

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio di cassazione.

Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile, il 21 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA