Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4198 del 16/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. III, 16/02/2017, (ud. 14/12/2016, dep.16/02/2017),  n. 4198

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIVALDI Roberta – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. GRAZIOSI Chiara – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 19279/2014 proposto da:

SEASE APPALTI SRL, in persona del legale rappresentante p.t. sig.

S.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI GRACCHI

84, presso lo studio dell’avvocato ANGELO RUFINI, che la rappresenta

e difende giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

CARIGE ASSICURAZIONI SPA, in persona del procuratore speciale sig.

P.A., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI VILLA

PATRIZI 13, presso lo studio dell’avvocato ANDREA GEMMA, che la

rappresenta e difende giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

B.M., B.P., B.A., INAIL (OMISSIS);

– intimati –

avverso la sentenza n. 357/2014 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 21/01/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/12/2016 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE

MASELLIS Mariella, che ha concluso per l’inammissibilitsà in

subordine rigetto.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che:

– l’avviso di fissazione della pubblica udienza è stato comunicato al ricorrente “in cancelleria” dopo che la comunicazione a mezzo PEC aveva avuto esito negativo (“il destinatario non è presente nel sistema Reglnde”);

– il difensore della ricorrente, avv. Angelo Rufini, ha indicato in ricorso sia l’indirizzo PEC (ancorchè non corrispondente al suo nome) sia il numero del fax del proprio studio.

Ritenuta l’opportunità di rinnovare l’avviso sia all’indirizzo PEC indicato in ricorso sia al numero di fax.

PQM

la Corte rinvia la causa a nuovo ruolo, mandando alla Cancelleria di comunicare l’avviso di fissazione dell’udienza alla parte ricorrente sia all’indirizzo PEC che al numero di fax indicati in ricorso.

Così deciso in Roma, il 14 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA