Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4196 del 19/02/2020

Cassazione civile sez. lav., 19/02/2020, (ud. 04/12/2019, dep. 19/02/2020), n.4196

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – rel. Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 27031-2014 proposto da:

S.C.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

QUINTINO SELLA 41, presso lo studio dell’avvocato MARGHERITA

VALENTINI, rappresentata e difesa dall’avvocato MASSIMILIANO DEL

VECCHIO;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli Avvocati SERGIO

PREDEN, LUIGI CALIULO, LIDIA CARCAVALLO, ANTONELLA PATTERI;

– resistente con mandato –

avverso la sentenza n. 4551/2013 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 16/01/2014 R.G.N. 2149/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/12/2019 dal Consigliere Dott. DANIELA CALAFIORE;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VISONA’ Stefano, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato LUIGI CALIULO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Con sentenza del 16 gennaio 2014 numero 4551/2013, la Corte d’appello di Lecce, in riforma della sentenza del Tribunale di Brindisi, respingeva la domanda proposta da S.S.C., nei confronti dell’Inps, per l’accertamento del diritto alla rideterminazione della pensione di anzianità di cui fruiva in ragione dell’accredito di contribuzione, relativa al periodo 10 marzo 1997 – 20 giugno 2000, su retribuzioni pari a quelle denunciate ed ammesse al passivo del fallimento dell’azienda presso la quale aveva lavorato.

La ricorrente aveva precisato di aver proposto istanza amministrativa in data 10 aprile 2002 per cui chiedeva il pagamento delle differenze dovutele a decorrere dal 121 giorno successivo alla presentazione della domanda.

2. A fondamento della decisione, la Corte territoriale osservava essere maturata la decadenza di cui al D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 come successivamente modificato, posto che la domanda giudiziale di rideterminazione della pensione risaliva il 13 ottobre 2004, mentre la pensione aveva avuto decorrenza dall’aprile 2001; pertanto, risultava decorso il termine di decadenza triennale di cui al D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47.

3. Avverso la sentenza ha proposto ricorso S.C.S., articolato in tre motivi, cui non ha opposto difese l’INPS, limitatosi a depositare procura speciale.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo di ricorso, si deduce omesso esame di un fatto decisivo per la controversia che è stato oggetto di discussione tra le parti (art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), in relazione alla circostanza che ” fatto decisivo” sarebbe il verificarsi o meno della decadenza e che tale fatto era stato senza dubbio discusso tra le parti, posto che aveva formato oggetto del motivo d’appello proposto dall’INPS. In particolare, la ricorrente deduce di aver esposto già in fase d’appello, iniziata prima che Corte Cost. n. 69 del 2014 dichiarasse l’incostituzionalità del D.L. n. 98 del 2011, art. 38, comma 1, lett. d), con. in L. n. 111 del 2011 con riferimento all’applicazione della decadenza alle azioni giudiziarie relative all’adempimento di prestazioni riconosciute solo in parte ai giudizi pendenti in primo grado, l’erroneità della tesi che individuava il dies a quo del termine di decadenza dalla data di decorrenza della pensione senza considerare che la pensione era stata richiesta in data 31 marzo 2001 e, da tale data, andavano calcolati i 300 giorni per la formazione del silenzio rifiuto dal cui decorso avrebbe avuto inizio quello triennale di decadenza.

2. Con il secondo motivo di ricorso, si deduce violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 come modificato dal D.L. n. 98 del 2011, art. 38, comma 1, lett. d), (successivamente dichiarato incostituzionale nella parte in cui se ne prevedeva l’applicazione ai giudizi pendenti in primo grado alla data di pubblicazione del decreto legge). Espone la ricorrente che la detta novella non è, comunque, applicabile alla fattispecie concreta, oltre che in ragione della pronuncia della Corte Costituzionale n. 69 del 2014, anche per la ulteriore ragione della impossibilità di ravvisare il dies a quo del termine di decadenza da epoca anteriore al momento della liquidazione della prestazione erogata in modo parziale, per l’impossibilità di avere contezza di eventuali errori o omissioni commessi dall’Istituto erogante. Ciò è reso evidente dal disposto testuale del citato D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 come modificato dal D.L. n. 98 del 2011, art. 38 cit. che indica quale dies a quo per il calcolo del termine di decadenza il momento in cui si ottiene il riconoscimento parziale della prestazione ovvero il pagamento della sorte. Nel caso di specie, è accaduto che il 17 settembre 2002 (come riferito dal modello TE/08 riportato in ricorso) la pensione è stata liquidata per cui al momento di deposito del ricorso giudiziario (13 ottobre 2004) non erano decorsi i tre anni e 300 giorni previsti a pena di decadenza per l’esercizio dell’azione.

3. Con il terzo motivo di ricorso, si deduce violazione e o falsa applicazione del D.P.R. n. 639 del 1970, art. 47 nella formulazione precedente alle modifiche introdotte con il D.L. n. 98 del 2011, art. 38 in relazione alla giurisprudenza delle Sezioni Unite della Corte di cassazione espressa da SS.UU. nn. 12718 e 12720 del 2009, secondo cui alla disciplina dell’adeguamento del trattamento pensionistico non si applica la decadenza triennale ma il solo termine decennale di prescrizione.

4. Vanno, preliminarmente e congiuntamente, esaminati il secondo ed il terzo motivo di ricorso, in quanto connessi e relativi alla individuazione della disciplina applicabile alla concreta fattispecie. I motivi sono fondati e vanno accolti.

5. E’ pacifico che nel caso in esame si discute di ricalcolo di un trattamento di pensione già riconosciuto; in relazione a tale ricalcolo, la Corte territoriale ha ritenuto di dover applicare la nuova disciplina di cui al D.L. n. 98 del 2011, art. 38 (che ha modificato del D.P.R. n. 639 del 1970, l’art. 47) ritenendo che la stessa avesse inciso sul principio affermato da questa Corte a sezioni unite della sentenza n. 12720 del 29/5/2009 la quale aveva statuito che: “La decadenza di cui al D.P.R. n. 30 aprile 1970, n. 639, art. 47 – come interpretato dal D.L. n. 29 marzo 1991, n. 103, art. 6, convertito, con modificazioni, nella L. 1 giugno 1991, n. 166 – non può trovare applicazione in tutti quei casi in cui la domanda giudiziale sia rivolta ad ottenere non già il riconoscimento del diritto alla prestazione previdenziale in sè considerata, ma solo l’adeguamento di detta prestazione già riconosciuta in un importo inferiore a quello dovuto, come avviene nei casi in cui l’Istituto previdenziale sia incorso in errori di calcolo o in errate intercettazioni della normativa legale o ne abbia disconosciuto una componente, nei quali casi la pretesa non soggiace ad altro limite che non sia quello della ordinaria prescrizione decennale”).

6. I rilievi della ricorrente sono incentrati sulla considerazione che una decadenza non sarebbe ipotizzabile a fronte della disposizione di cui al citato art. 38 il quale ha stabilito che il termine di decadenza inizia a decorrere dal riconoscimento parziale della prestazione.

7. Questa Corte ha già affermato che in tema di decadenza delle azioni giudiziarie volte ad ottenere la riliquidazione di una prestazione pensionistica parzialmente riconosciuta, la novella del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, art. 38, comma 1, lett. d), conv. in L. 15 luglio 2011, n. 111 – che prevede l’applicazione del termine decadenziale di cui al D.P.R. n. 30 aprile 1970, n. 639, art. 47 anche alle azioni aventi ad oggetto l’adempimento di prestazioni riconosciute solo in parte o il pagamento di accessori del credito detta una disciplina innovativa che, anche a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 69 del 2014, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del predetto D.L. n. 98 del 2011, art. 38, comma 4, non trova applicazione ai giudizi pendenti alla data di entrata in vigore delle nuove disposizioni, per i quali vale il generale principio dell’inapplicabilità del termine decadenziale (cfr. Cass. 21 gennaio n. 2015, n. 1071; 19 giugno 2013, n. 15375; Cass. 8 maggio 2012, n. 6959; Cass. n. 31389 del 2019).

8. Nella specie, trattandosi di un ricorso depositato in primo grado in data 13/10/2004, non era applicabile la normativa invocata dall’Istituto ricorrente ma la disciplina previgente nell’interpretazione data dalla citata decisione di questa Corte a SS.UU. n. 12720/2009 (nella quale era stato anche precisato che: “il D.L. n. 103 dd 1991, art. 6, può trovare applicazione non nelle fattispecie in cui si richieda – come nel caso di specie – il ricalcolo di una prestazione pensionistica, già in precedenza riconosciuta e di cui si domanda la rideterminazione, ma nella diversa ipotesi di mancato o omesso riconoscimento proprio del diritto a detta prestazione, avendo il legislatore con la norma scrutinata inteso evidenziare come a fronte di un diritto non soggetto a prescrizione nè suscettibile di essere vanificato attraverso l’istituto della decadenza – come avviene per il diritto ad ottenere la pensione in presenza dei presupposti richiesti per legge – i singoli ratei invece sono sottoposti ad una diversa disciplina per essere assoggettati a propri termini di decadenza sì da potere essere rivendicati con una decorrenza mobile in relazione al tempo della domanda giudiziaria”).

9. Accolti il secondo ed il terzo motivo, resta assorbito il primo che propone un vizio di motivazione il cui esame è divenuto inutile in ragione dell’accoglimento dei motivi relativi alla violazione di legge.

10. La sentenza impugnata va, dunque, cassata con rinvio alla Corte d’appello di Bari che provvederà ad esaminare la domanda proposta dalla ricorrente, oltre che a regolare le spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il secondo ed il terzo motivo di ricorso, assorbito il primo; cassa la sentenza impugnata quanto ai motivi accolti e rinvia alla Corte d’appello di Bari cui demanda anche la regolazione delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 4 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 19 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA