Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4188 del 22/02/2010

Cassazione civile sez. III, 22/02/2010, (ud. 28/01/2010, dep. 22/02/2010), n.4188

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – Presidente –

Dott. FINOCCHIARO Mario – Consigliere –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. SEGRETO Antonio – Consigliere –

Dott. FRASCA Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul regolamento di competenza d’ufficio proposto dal Tribunale di

NAPOLI, con provvedimento n. R.G. 4255/04 dell’1.4.09, nel

procedimento pendente fra:

CONDOMINIO di VIA (OMISSIS);

TECNO LIFT SNC;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

28/01/2010 dal Consigliere Relatore Dott. FRASCA Raffaele;

E’ presente il P.G. in persona del Dott. SCARDACCIONE EDUARDO

VITTORIO.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

quanto segue:

1. Il Tribunale di Napoli, con ordinanza del 1 aprile 2009, ha proposto ricorso istanza di regolamento di competenza d’ufficio nella controversia pendente fra il Condominio via (OMISSIS) e la Tecno Lift s.n.c.. Le parti non hanno svolto attivita’ difensiva.

2. Il ricorso e’ soggetto alla disciplina delle modifiche al processo di cassazione, disposte dal D.Lgs. n. 40 del 2006, che si applicano ai ricorsi proposti contro le sentenze ed i provvedimenti pubblicati a decorrere dal 2 marzo 2006 compreso, cioe’ dalla data di entrata in vigore del D.Lgs. (D.Lgs. n. 40 del 2006, art. 27, comma 2).

Essendosi ritenute sussistenti le condizioni per la decisione con il procedimento di cui all’art. 380 bis c.p.c., e’ stata redatta relazione ai sensi di tale norma, che e’ stata comunicata al Pubblico Ministero presso la Corte.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

quanto segue:

1. Nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. si sono svolte le seguenti considerazioni:

“… 3. – Il ricorso appare inammissibile.

L’ordinanza di elevazione del conflitto e’ stata pronunciata in udienza. Nel verbale si da atto della comparizione dei difensori e, quindi, il successivo provvedimento, adottato dal G.O.T. incaricato della trattazione, ha il seguente tenore: rimette gli atti alla Corte di Cassazione per il regolamento di competenza segue una parola illeggibile.

Il detto provvedimento non contiene alcuna esposizione del fatto sostanziale e processuale sia pure minima e nemmeno indica le ragioni di elevazione del conflitto.

Vengono, pertanto, in rilievo, per giustificare la declaratoria di inammissibilita’ i seguenti principi di diritto:

L’art. 47 c.p.c., comma 4, dispone che il regolamento di competenza d’ufficio sia richiesto con ordinanza, senza dettare alcuna precisazione sui requisiti di contenuto del provvedimento, i quali vanno, pertanto, mutuati dall’art. 134 c.p.c., che prevede, pero’, la motivazione dell’ordinanza, ma non l’esposizione del fatto sostanziale e processuale. Quest’ultimo requisito, pero’, e’ necessario in quanto appaia indispensabile per il raggiungimento dell’atto, potendo, quindi, essere piu’ o meno ampia l’esposizione a seconda di quanto occorra per evidenziare le ragioni su cui si fonda il conflitto (Cass. (ord.) n. 24479 del 2008).

L’art. 47 c.p.c., comma 4, dispone che il regolamento di competenza d’ufficio sia richiesto con ordinanza, senza dettare alcuna precisazione sui requisiti di contenuto che tale provvedimento deve avere. Ne discende che tali requisiti vanno mutuati dall’art. 134 c.p.c. e, pertanto, ai sensi del primo inciso di tale norma, e’ da ritenere che l’ordinanza debba essere motivata. In mancanza della motivazione, che – giusta la previsione dell’art. 45 c.p.c., che indica come presupposto dell’elevazione del conflitto che il giudice della riassunzione ritenga a sua volta di essere incompetente, comporta l’indicazione delle ragioni di dissenso dall’altro giudice – l’ordinanza deve reputarsi inidonea ad assolvere allo scopo cui e’ diretta, cioe’ quello di investire la Corte di Cassazione delle ragioni giustificative dell’elevato conflitto. In analogia con quanto l’ordinamento prevede rispetto al ricorso per Cassazione (art. 366 c.p.c.) e, di riflesso, con gli opportuni adattamenti, anche rispetto al regolamento di competenza su istanza di parte, la mancanza dei requisiti di contenuto ridonda in ragione di inammissibilita’ dell’istanza, dovendosi escludere che, per la forza di tale analogia, sia possibile disporre una rinnovazione dell’istanza ai sensi dell’art. 162 c.p.c., comma 1 (Cass. (ord.) n. 18795 del 2007).”.

2. Il Collegio condivide le argomentazioni e le conclusioni della relazione, alle quali non e’ necessario aggiungere alcunche’.

L’istanza di regolamento di competenza e’, dunque, dichiarata inammissibile.

PQM

LA CORTE Dichiara inammissibile l’istanza di regolamento di competenza.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile, il 28 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 febbraio 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA