Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4167 del 21/02/2011

Cassazione civile sez. lav., 21/02/2011, (ud. 27/01/2011, dep. 21/02/2011), n.4167

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ROSELLI Federico – Presidente –

Dott. DE RENZIS Alessandro – rel. Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. NOBILE Vittorio – Consigliere –

Dott. FILABOZZI Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

ZAMA G & C SNC, in persona del legale rappresentante pro

tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Piazzale Don Minzoni n. 9, presso

lo studio dell’Avv. Martuccelli Carlo, che la rappresenta e difende,

unitamente all’Avv. Ronchi Battista del foro di Ravenna per procura

in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

G.E., elettivamente domiciliata in Roma, Via Riccardo

Grazioli Lante n. 76, presso lo studio dell’Avv. Sciubba Pietro, che

lo rappresenta e difende, anche disgiuntamente, con l’Avv. Gaio

Filippo Pianini del foro di Forlì per procura in calce al

controricorso;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza n. 361/2008 della Corte di Appello

di Bologna del 27.05.2008/11.12.2008 nella causa n. 1169 R.G. 2001.

Udita la relazione nella Camera di Consiglio del 27.01.2011 svolta

dal Consigliere Dott. Alessandro De Renzis;

udito l’Avv. Carlo Martuccelli per la ricorrente e l’Avv. Sciubba

Pietro per il controricorrente;

sentito il PM, in persona del Sost. Proc. Gen. Dott. Basile Tommaso,

che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

FATTO E DIRITTO

1. Con ricorso dell’8.10.2001 la soc. ZAMA & C SNC proponeva appello avverso la sentenza del n. 181 del 2001 A Tribunale di Forlì. Con tale sentenza era stato accolto il ricorso proposto da G. E. ed era stata condannata l’anzidetta società al pagamento a favore del ricorrente della complessiva somma di L. 132.061.292, oltre accessori, per provvigioni residue, indennità sostitutiva di preavviso ed indennità ex art. 1751 c.c.. Con la stessa sentenza era stata respinta la domanda riconvenzionale proposta dalla società per ottenere risarcimento dei danni per violazione dell’obbligo della riservatezza da parte del G., nonchè la domanda subordinata volta ad ottenere la compensazione con quanto dovuto dall’ex agente per risarcimento danni.

La Corte di Appello di Bologna nel confermare l’impugnata decisione con sentenza n. 361 del 2008, ha escluso, ribadendo quanto affermato dal Tribunale, pratiche di concorrenzialità d a parte dell’ex agente G. e, in ordine al quantum, ha liquidato a favore dell’appellato l’importo già riconosciuto dal primo giudice.

La Zama G & C SNC ricorre per cassazione con unico articolato motivo.

Il G. resiste con controricorso.

Entrambe le parti hanno presentato rispettiva memoria ex art. 378 c.p.c..

2. Con l’unico motivo la ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell’art. 1751 c.c., contestando l’impugnata sentenza per avere ritenuto che la società avesse ricevuto vantaggi permanenti derivanti da incremento di clientela.

3. Il ricorso è inammissibile.

In via preliminare va rilevato che il ricorso così come formulato, proposto per impugnare la sentenza resa tra le parti dopo il 2 marzo 2006, data di entrata in vigore del D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 incorre nella violazione dell’art. 366 bis, introdotto con l’art. 6 dell’anzidetto decreto legislativo.

Tale norma impone, per i casi previsti dall’art. 360 c.p.c., nn. 1, 2, 3 e 4, l’illustrazione di ciascun motivo con la formulazione, a pena di inammissibilità, di un quesito di diritto, mentre in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, l’illustrazione del motivo deve contenere, a pena di inammissibilità, la chiara indicazione del fatto controverso in relazione al quale la motivazione si assume omessa o contraddittoria ovvero le ragioni per le quali la dedotta insufficienza della motivazione la rende inidonea a giustificare la decisione.

Orbene nel caso di specie la mancata formulazione di un appropriato quesito di diritto, in relazione alla dedotta violazione dell’art. 1751 c.c. in cui sarebbe incorso il giudice del gravame, non consenta di pervenire a soluzione diversa dall’inammissibilità.

Al riguardo si richiama l’indirizzo di questa Corte (in particolare Sezioni Unite sentenza n. 7258 del 26 marzo 2007, seguita da successiva conforme giurisprudenza), secondo cui l’art. 366 bis c.p.c., non può essere interpretato nel senso che il quesito del diritto (e simmetricamente la formulazione del fatto controverso nel caso previsto dall’art. 360 c.p.c., n. 5) possa desumersi implicitamente dalla formulazione del motivo del ricorso, perchè tale interpretazione si risolverebbe nell’abrogazione tacita della norma, che, come già evidenziato, ha introdotto, a pena di inammissibilità, il rispetto di un requisito formale, da formularsi in maniera esplicita.

Le spese del giudizio di cassazione seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente alle spese, che liquida in Euro 24,00, oltre Euro 3000,00 per onorari ed oltre IVA, CPA e spese generali.

Così deciso in Roma, il 27 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 21 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA