Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4164 del 17/02/2021

Cassazione civile sez. trib., 17/02/2021, (ud. 19/11/2020, dep. 17/02/2021), n.4164

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. BALSAMO Milena – Consigliere –

Dott. LO SARDO Giuseppe – Consigliere –

Dott. DELL’ORFANO Antonella – rel. Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1176-2015 proposto da:

B.A.M., elettivamente domiciliato in ROMA, presso lo

studio dell’Avvocato CORRADO MORRONE, rappresentato e difeso

dall’Avvocato MARCO GAVELLI giusta procura speciale estesa in calce

al ricorso;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA CENTRO S.p.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, domiciliata in ROMA, presso lo studio dell’Avvocato MARIA

TERESA BARBANTINI, rappresentata e difesa dall’Avvocato FIORENZA

SOLAINI giusta procura speciale estesa in calce al controricorso;

– controricorrente –

e

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, presso l’AVVOCATURA GENERALE

DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 950/10/2014 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE dell’EMILIA ROMAGNA, depositata il 13/058/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/11/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa

ANTONELLA DELL’ORFANO;

lette le conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto

Procuratore generale De Augustinis Umberto, che ha chiesto il

rinnovo della notifica nei confronti dell’Agenzia delle Entrate

Riscossione, quale successore ex lege di Equitalia;

 

Fatto

RILEVATO

che:

B.A.M. propone ricorso, affidato a tre motivi, per la cassazione della sentenza indicata in epigrafe, con cui la Commissione Tributaria Regionale dell’Emilia Romagna aveva accolto l’appello proposto da Equitalia avverso la sentenza n. 353/1/20140 della Commissione Tributaria Provinciale di Bologna, che aveva accolto il ricorso proposto dalla contribuente avverso intimazioni di pagamento di somme dovute per tributi vari (IVA, IRPEF, IRAP, diritti comunali, tasse automobilistiche);

il Concessionario resiste con controricorso, l’Agenzia delle entrate si è costituita al solo scopo di partecipare all’udienza di discussione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1.1. il difensore della ricorrente, munito di procura speciale, premesso che la contribuente aveva definito in via agevolata il debito fiscale tramite “rottamazione” di cui alla L. n. 145 del 2018, art. 1, commi 184 e 185, ha depositato rinuncia al ricorso debitamente notificata alle controparti;

1.2. il ricorso va, pertanto, dichiarato estinto con integrale compensazione tra le parti delle spese processuali stante la definizione agevolata della controversia;

1.3. non ricorrono, invece, i presupposti per imporre alla ricorrente il pagamento del cd. “doppio contributo”, atteso che, in tema di impugnazioni, il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, che pone a carico del ricorrente rimasto soccombente l’obbligo di versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, si applica ai soli casi – tipici – del rigetto dell’impugnazione o della sua declaratoria d’inammissibilità o improcedibilità e, trattandosi di misura eccezionale, lato sensu sanzionatoria, è di stretta interpretazione e non suscettibile, pertanto, di interpretazione estensiva o analogica (cfr. Cass., nn. 31732/2018, 23175/2015).

P.Q.M.

La Corte estingue il ricorso; compensa le spese processuali.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Corte di Cassazione, Sezione Tributaria, il 19 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA