Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4164 del 16/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 16/02/2017, (ud. 11/01/2017, dep.16/02/2017),  n. 4164

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso regolamento di competenza d’ufficio proposto dal

Tribunale di Santa Maria Capua Vetere con ordinanza depositata il

13/07/2016 emessa sul procedimento iscritto al n. R.G. 10618/2010,

proposto da:

D.C.A.;

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE;

S.C.C.I. – SOCIETA’ DI CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI I.N.P.S. S.P.A.;

– ricorrenti –

sulle conclusioni scritte del P.G. in persona del Dott. Gianfranco

Servello che, visti gli artt. 45 e 47 c.p.c., chiede che la Corte di

Cassazione, in camera di consiglio, in accoglimento del conflitto di

competenza proposto con l’ordinanza indicata in premessa, dichiari

la competenza del Tribunale di Napoli, Sezione Lavoro;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’11/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONELLA

PAGETTA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Premesso che il Collegio ha autorizzato la redazione in forma semplificata della presente ordinanza;

rilevato:

che il Tribunale di Santa Maria C.V., con ordinanza emessa il 13.7.2016, ha richiesto d’ufficio il regolamento di competenza avverso la sentenza emessa il 25.3.2010 con la quale il giudice del lavoro del tribunale di Napoli aveva declinato la propria competenza a conoscere della opposizione a cartella esattoriale aventi ad oggetto contributi IVS alla gestione commercianti, proposta da D.C.A. nei confronti dell’INPS e di Equitalia Polis s.p..a.; che la declaratoria di incompetenza territoriale del Giudice del Lavoro di Napoli era stata fondata sul disposto dell’art. 444 c.p.c., comma 3, a mente del quale per le controversie relative agli obblighi dei datori di lavoro e all’applicazione delle sanzioni civili per l’inadempimento di tali obblighi, è competente il tribunale in funzione del giudice del lavoro in cui ha sede l’ufficio dell’ente; che il PG ha concluso per la competenza del Tribunale di Napoli, Sez. Lavoro;

che la istanza di regolamento deve essere definita alla luce del consolidato orientamento di questa Corte la quale ha ripetutamente affermato che “La controversia inerente agli obblighi contributivi facenti capo nad un lavoratore autonomo rientra nella competenza del tribunale in funzione di giudice del lavoro, nella cui circoscrizione risiede l’attore, ai sensi dell’art. 444 c.p.c., comma 1 (come modificato dal D.Lgs. 19 febbraio 1998, n. 51), atteso che il disposto del comma 3 della stessa norma 8 come modificato dall’art. 86 cit.), il quale per le controversie relative agli obblighi dei “datori di lavoro” prevede la competenza territoriale del tribunale in cui ha sede l’ufficio dell’ente creditore, non è suscettibile di applicazione estensiva o analogica all’infuori dei casi espressamente contemplati, introducendo un’eccezione al principio generale di cui al comma 1″ (Cass. ord. nn. 23690 e 10581 del 2016, n. 23141 del 2011, n. 13954 del 2006, nn. 20829 e 11646, del 2004, nn. 18013 e 12380 del 2003);

che a tanto consegue l’affermazione della competenza per territorio del Giudice del lavoro del tribunale di Napoli, nella cui circoscrizione, per come pacifico, è residente l’opponente D.C.;

che, versandosi in ipotesi di regolamento d’ufficio e non avendo le parti svolto attività difensiva, non si fa luogo al regolamento delle spese di lite.

PQM

La Corte dichiara la competenza per territorio del giudice del Lavoro del Tribunale di Napoli. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 11 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA