Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4161 del 22/02/2010

Cassazione civile sez. II, 22/02/2010, (ud. 15/01/2010, dep. 22/02/2010), n.4161

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.B., rappresentato e difeso, in forza di procura speciale

notarile (autentica del notaio Dott. Luigi Musso di Torino in data 8

ottobre 2009, rep. n. 77436), dall’Avv. BATTAGLIA MARIA GRAZIA,

elettivamente domiciliato nel suo studio in Roma, viale G. Mazzini,

n. 119;

– ricorrente –

contro

T.S., rappresentato e difeso, in forza di procura speciale

a margine del controricorso, dagli Avv. RIZZO GIUSEPPE e Maria

Teresa Persico, elettivamente domiciliato nello studio di

quest’ultima in Roma, via Tacito, n. 74;

– controricorrente –

avverso la sentenza del Giudice di pace di Torino in data 20 dicembre

2005;

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

15 gennaio 2010 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. UCCELLA Fulvio, che ha concluso

per il rigetto del ricorso per manifesta infondatezza, conclusioni

alle quali si è riportato, in Camera di consiglio, il Sostituto

Procuratore Generale Dott. Pierfelice Pratis.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che con atto di citazione notificato il 16 novembre 2004, T.S., titolare dell’omonima ditta, ha convenuto in giudizio dinanzi al Giudice di pace di Torino C.B., chiedendone la condanna al pagamento della somma di Euro 893,02, oltre interessi, per la fornitura di un mobile bagno, di cui l’acquirente lamentava dei difetti che ne avevano determinato la sostituzione, con ulteriori spese per l’intervento dell’idraulico, per lo smontaggio e il successivo montaggio del mobile sostituito;

che il C. ha resistito alla domanda attrice;

che, procedutosi all’escussione dei testi ed all’interrogatorio formale delle parti ed esperita c.t.u., il Giudice di pace, con sentenza resa pubblica mediante deposito in cancelleria il 20 dicembre 2005, ha accolto la domanda e condannato il C. al pagamento, in favore del T., della somma di Euro 929,48, comprensiva di interessi, oltre al rimborso delle spese processuali;

che a tale conclusione il primo giudice è pervenuto dopo avere rilevato: che l’essersi il venditore impegnato a sostituire il mobile-bagno non comporta l’automatico riconoscimento che sussistessero vizi di fabbrica nel bene venduto; e che di tali vizi non è stata provata l’esistenza, tant’è vero che, una volta smontato il mobile-bagno, la casa costruttrice fu in grado di appurare che i danni lamentati erano da attribuire non ad un difetto del prodotto, bensì ad infiltrazioni d’acqua presenti sulla parete su cui il mobile era stato montato, senza professionalità, dallo stesso acquirente;

che per la cassazione della sentenza del Giudice di pace il C. ha proposto ricorso, con atto notificato il 20 dicembre 2006, sulla base di un motivo;

che l’intimato ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che con l’unico motivo il ricorrente denuncia “violazione e falsa applicazione degli artt. 1490 e 1495 c.c., e art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, nonchè dei principi generali in materia di atti ricognitivi ed in genere sui comportamenti idonei a costituire facta concludentia di manifestazione tacita di volontà a carattere negoziale”, chiedendo a questa Corte di affermare che, in materia di garanzia dei vizi della cosa venduta, il riconoscimento da parte del venditore della propria responsabilità in ordine ai difetti presenti sul bene può avvenire attraverso comportamenti concludenti, consistenti nella sostituzione del prodotto viziato;

che il motivo è manifestamente infondato;

che il Giudice di pace ha giustificato la propria conclusione – supportata dall’esame delle risultanze istruttorie (prove testimoniali, per interpello e consulenza tecnica d’ufficio) – con il rilievo in fatto : che i danni del mobile-bagno non trovavano causa in difetti di costruzione del bene, ma in fatti esterni, ravvisati in infiltrazioni di acqua riconducibili ad un non corretto montaggio dei raccordi effettuato personalmente dall’acquirente; e che la disponibilità del venditore a sostituire il mobile non poteva equivalere a riconoscimento del difetto, essendo stata manifestata in buona fede prima dell’accertamento in ordine alla causa del difetto medesimo ed a condizione che questa fosse imputabile ad esso venditore;

che, in tale contesto, non è configurabile la lamentata violazione del principio di diritto secondo cui il riconoscimento del vizio della cosa venduta può avvenire anche mediante comportamenti concludenti;

che, pertanto, il ricorso deve essere rigettato ;

che le spese del giudizio di cassazione, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso delle spese processuali sostenute dal controricorrente, liquidate in complessivi Euro 800,00, di cui Euro 600,00 per onorari, oltre a spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 15 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA