Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4156 del 21/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 21/02/2018, (ud. 06/12/2017, dep.21/02/2018),  n. 4156

Fatto

1. L’Agenzia delle Entrate ricorre, nei confronti della Moroni s.r.l., avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Liguria (in seguito: CTR) n. 17/01/2011, depositata il 22/02/2011, che – in una controversia concernente l’impugnazione dell’avviso di accertamento (n. (OMISSIS), notificato il 13/05/2009) per IRES, relativo al periodo di imposta 2006, che rettificava il reddito dichiarato dalla società (Euro 68.856,00), adeguandolo al minimo previsto dalla L. 23 dicembre 1994, n. 724, art. 30 (Euro 234.294,00), riguardante le società di comodo, perchè la contribuente non aveva superato il “test di operatività” previsto dal medesimo articolo – in riforma della decisione di primo grado, aveva accolto la domanda della contribuente ed aveva annullato l’avviso di accertamento.

I giudici della CTR hanno ritenuto che l’affitto dell’unico immobile aziendale “Grand Hotel Moroni”, al canone annuo di Euro 175.200,00, concordato con il contratto del 19/12/2000, in esecuzione fino al 30/11/2006, ossia per gran parte del periodo di imposta oggetto di accertamento (anno 2006), integri una delle: “situazioni obiettive che consentono l’esclusione dalla normativa”.

2. Il ricorso è affidato ad un unico motivo, cui resiste la Moroni s.r.l. con proprio controricorso.

La sesta sezione di questa Corte, con ordinanza interlocutoria datata 9/10/2014 (depositata il 30/10/2014), ha rimesso gli atti a questa sezione per la decisione del ricorso in pubblica udienza.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con l’unico motivo la ricorrente denuncia, ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, violazione e falsa applicazione della L. 23 dicembre 1994, n. 724, art. 30, sulle “società di comodo” in quanto la CTR ha ritenuto contra legem che la causa di disapplicazione della norma antielusiva, prevista dal comma 4-bis dello stesso articolo (ossia le “oggettive situazioni” che hanno reso impossibile il conseguimento dei maggiori ricavi calcolati secondo i parametri normativi), possa essere integrata dall’esistenza dell’affitto d’azienda dell’unico immobile della società, il “Grand Hotel Moroni”, verso il canone annuo di Euro 175.200,00, concordato nel predetto contratto datato 19/12/2000, in essere fino al 30/11/2006, ossia per gran parte dell’annualità oggetto di accertamento (anno 2006).

1.1. In base alla prospettazione dell’Ufficio, invece, il contratto d’affitto d’azienda non rientra tra le ipotesi d’impossibilità oggettiva di percepire ricavi maggiori perchè esso è espressione della manifestazione di volontà del contribuente che, per potere essere esonerato dall’applicazione della norma antielusiva, è tenuto a dimostrare che, quando stipulò il contratto, determinate ragioni oggettive non consentivano la pattuizione di un canone più alto.

Nel caso di specie, in cui la società si è limitata ad allegare il contratto d’affitto d’azienda, la CTR, incorrendo nella suaccennata violazione di legge, ha attribuito rilevanza al medesimo negozio; ha, pertanto, ravvisato l’impossibilità giuridica, da parte della concedente, di aumentare unilateralmente il canone d’affitto dell’unico cespite aziendale e, infine, ha negato la necessità della prova (definita nell’impugnata sentenza “diabolica”) dell’esistenza di ragioni oggettive che impedissero la pattuizione di un corrispettivo maggiore.

In realtà, secondo l’Ufficio ricorrente, una simile prova poteva essere agevolmente fornita, da parte della contribuente, con la produzione in giudizio della documentazione attestante le condizioni di mercato dell’epoca e le eventuali altre offerte ricevute (dalla società) prima di determinarsi a concedere in affitto la propria azienda verso un canone non conforme, per difetto, ai parametri normativi.

1.2. Il motivo è fondato.

Questa Corte ha più volte affermato (ex multis, Cass. 13/05/2015, n. 21358; Cass. ord. n. 26728/2017) che l’art. 30, comma 4-bis cit. vigente, nella parte che qui interessa, a seguito delle modifiche apportate dal D.L. n. 223 del 2006, art. 35, comma 15, convertito, con modificazioni dalla L. 4 agosto 2006, n. 248, per il periodo di imposta in contestazione (anno 2006), come stabilito dal successivo comma 16 – mira a disincentivare la costituzione di “società di comodo”, per il raggiungimento di scopi eterogenei rispetto alla normale dinamica degli enti collettivi commerciali, con la fissazione di ricavi minimi, correlati al valore di determinati beni aziendali, che, se non raggiunti, costituiscono un indice sintomatico del carattere non operativo della società contribuente e fanno scattare la presunzione di un certo reddito minimo (calcolato secondo determinati parametri).

Nell’operatività di tale presunzione, è onere del contribuente provare quelle situazioni oggettive, indipendenti dalla sua volontà, che hanno impedito, nell’annualità in verifica, la realizzazione di maggiori ricavi.

1.3. La CTR, condividendo la prospettazione della società, ha erroneamente ricondotto tale situazione oggettiva, menzionata dalla ridetta disposizione normativa, alla vigenza di un contratto d’affitto d’azienda, stipulato dalla Moroni s.r.l. nel 2000, in epoca anteriore al periodo di imposta in contestazione (anno 2006), che prevedeva un canone annuo esiguo.

1.4. I giudici d’appello, invece, avrebbero dovuto accertare, sulla scorta di elementi oggettivi e di dati concreti, se la società avesse compiutamente documentato le “oggettive situazioni” che resero impossibile, nel periodo d’imposta 2006, il conseguimento di ricavi maggiori (dati fattuali che, come suaccennato, sono stati anche esemplificati dall’Ufficio).

1.5. Per quanto appena esposto, in accoglimento dell’unico motivo di ricorso, la sentenza impugnata va cassata, con rinvio alla CTR della Liguria, in diversa composizione, che provvederà anche alla liquidazione delle spese processuali del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

accoglie il ricorso;

cassa la sentenza;

rinvia alla Commissione tributaria regionale della Liguria, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 6 dicembre 2017.

Depositato in Cancelleria il 21 febbraio 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA