Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4129 del 18/02/2011

Cassazione civile sez. VI, 18/02/2011, (ud. 27/01/2011, dep. 18/02/2011), n.4129

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – Presidente –

Dott. SALVAGO Salvatore – Consigliere –

Dott. FORTE Fabrizio – Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – rel. Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso iscritto al n. RG 20406 dell’anno 2010 proposto da:

N.S. elettivamente domiciliato in ROMA presso la

cancelleria della Cassazione;

– ricorrente –

avverso il provvedimento del Questore di Torino udito il relatore

cons. Dott. L. Macioce nella adunanza camerale del 27/1/2011 alla

presenza del P.G. dr. Carmelo SGROI.

Fatto

OSSERVA

Il Collegio che il relatore designato, nella relazione depositata ex art. 380 bis c.p.c. ha formulato le considerazioni appresso trascritte opinando nel senso:

CHE è pervenuto alla cancelleria della Corte un ricorso proposto personalmente dallo straniero N.S. avverso non precisato decreto di allontanamento del Questore di Torino dallo Stato nel quale si censura l’omessa indicazione degli avvisi ad opponendum e la mancata considerazione della esigenza di cure straordinarie ed indifferibili;

CHE il ricorso formulato da soggetto privo di jus postulandi e spedito per posta senza alcuna notifica al contraddittore appare non ricevibile;

CHE, ove si condivida il testè formulato rilievo, il ricorso può essere trattato in camera dì consiglio e dichiarato inammissibile.

Il Collegio che le considerazioni sopra trascritte meritano di essere pienamente condivise, con la conseguente dichiarazione di inammissibilità del ricorso, proposto personalmente dallo straniero e non notificato ad alcuno. Nulla è a provvedere sulle spese.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 27 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA