Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4126 del 21/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Decr. Sez. 6 Num. 4126 Anno 2018
Presidente:
Relatore:

DECRETO

Ud.

sul ricorso 15046-2016 proposto da:
ISOCAF

S.R.L.,

in persona

del

legale

rappresentante pro-tempore, elettivamente
domiciliata in ROMA, VIALE GIUSEPPE MAZZINI
n. 145, presso lo studio dell’avvocato
GIUSEPPE TEPEDINO, che la rappresenta e
difende unitamente agli avvocati FLAVIO DE
ZORZI e MARCO DE CRISTOFARO;
– ricorrente contro

BALLARIN DENIS PAOLO;
– intimato 2018

avverso la sentenza n. 648/2015 della CORTE

22

D’APPELLO di VENEZIA, depositata il

Data pubblicazione: 21/02/2018

31/12/2015.

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SESTA SEZIONE CIVILE – SOT1OSEZIONL LAVORO

DECRETO
Roma.

RG 15046/16

ISOCAF Srl, rappresentata e difesa dagli Avv.ti Marco DE CRISTOFARO e Flavio DE ZORZI, entrambi
del Foro di Padova, nonché dall’Avv. Giuseppe TEPEDINO del Foro di Roma, con domicilio presso lo
Studio di quesfultimo sito in Roma, Viale G. Mazzini 11.145. giusta procura in calce al ricorso;
RICORRENTI
contro:
Denis Paolo BALLARIN;
INTIMATO
avverso:
sentenza della Corte d’Appello di Venezia n. 648/2015 depositata in data 31/12/2015.

IL PRESIDENTE
letta la rinuncia al ricorso proposta dal ricorrente;
ritenuto che la rinuncia ha i requisiti richiesti dagli articoli 390 e 391 cpc;
ritenuto che l’estinzione può essere dichiarata con decreto ai sensi dell’art. 391 cpc come modificato dalla
d.l. 68 del 2016 convertito con modificazioni in 1.197/16;
ritenuto che non si deve provvedere sulle spese in mancanza di attività difensiva dell’intimato;
P.Q.M.
la corte dichiara estinto il giudizio.
Dispone che del presente decreto sia data comunicazione ai difensori delle parti costituite e li avvisa che nel
termine di dieci giorni dalla comunicazione possono chiedere che sia fissata l’udienza.
Il Presid Ite Titolare
P

u

urzio

sul ricorso proposto da:

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA