Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4089 del 16/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 16/02/2017, (ud. 12/01/2017, dep.16/02/2017),  n. 4089

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – rel. Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 22404-2015 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

ROMANA PROMOTION S.N.C., EQUITALIA SUD SPA;

– intimate-

avverso la sentenza n. 2941/35/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE del LAZIO, depositata il 25/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. ROBERTA

CRUCITTI.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che:

– nella controversia avente ad origine l’impugnazione da parte della Romana Promotion s.n.c. di cartella di pagamento relativa a irap ed iva dell’anno 2007, la C.T.R. del Lazio, con la sentenza indicata in epigrafe, in accoglimento dell’appello proposto da Equitalia Sud s.p.a. avverso la decisione di primo grado di accoglimento del ricorso proposto dalla contribuente, riteneva che il Concessionario non avesse legittimazione passiva e che unica parte soccombente dovesse ritenersi l’Agenzia delle Entrate;

– in particolare, il Giudice di appello riteneva di non potere prendere in considerazione le controdeduzioni dell’Agenzia delle Entrate perchè costituenti motivi autonomi di impugnazione che, stante l’appello di Equitalia riferito al solo difetto di legittimazione passiva, avrebbero dovuto essere oggetto di appello incidentale;

– avverso tale capo della sentenza ricorre l’Agenzia delle Entrate affidandosi ad unico motivo mentre le intimate non hanno svolto attività difensiva;

– a seguito di proposta ex art. 380 bis c.p.c. è stata fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio, con rituali comunicazioni e che il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della presente motivazione in forma semplificata.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– la ricorrente – premesso che, con atto intestato controdeduzioni (trascritto integralmente in ricorso), si era tempestivamente costituita nel processo di appello, articolando censure specifiche alla sentenza di prime cure della quale aveva espressamente chiesto la riforma – deduce, con l’unico motivo di ricorso, la nullità della sentenza e del procedimento per violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 54 e dell’art. 112 c.p.c.

– la censura è fondata. L’atto, seppur intitolato controdeduzioni, (come evincibile dal suo contenuto integralmente trascritto in ricorso), contiene specifiche censure alla sentenza di primo grado del quale si chiede la riforma sia nel corpo dell’atto che nelle stesse conclusioni, tant’è che la stessa Commissione regionale nell’interpretarne il contenuto ha affermato trattarsi di motivi autonomi di impugnazione.

– è, pertanto, evidente l’errore in cui è incorso il Giudice di appello nel ritenere tali motivi inammissibili perchè non veicolati attraverso un appello incidentale, laddove il costante orientamento di questa Corte è fermo nel ritenere che non è necessario all’uopo l’uso di “formule sacramentali”, essendo sufficiente che dal complesso delle deduzioni e delle conclusioni formulate dall’appellato in sede di costituzione risulti chiaramente la volontà di ottenere la riforma della decisione (cfr. Cass. 2752/2012; Cass. 15501/2010; 16222/2014);

– ne consegue, in accoglimento del ricorso, la cassazione della sentenza impugnata ed il rinvio alla Commissione tributaria regionale perchè provveda all’esame dell’appello incidentale e regoli le spese di questo giudizio.

PQM

In accoglimento del ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Commissione tributaria regionale del Lazio, in diversa composizione cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 12 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA