Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4087 del 18/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 18/02/2020, (ud. 01/10/2019, dep. 18/02/2020), n.4087

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – rel. Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 9675 – 2019 R.G. proposto da:

L.P.A. – c.f. (OMISSIS) – elettivamente domiciliato in

Roma, alla via Golametto, n. 4, presso lo studio dell’avvocato

Ferriolo Giovambattista e dell’avvocato Abbate Ferdinando Emilio che

lo rappresentano e difendono in virtù di procura speciale a margine

del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO della GIUSTIZIA – c.f. (OMISSIS) – in persona del Ministro

pro tempore;

– intimato –

avverso il decreto della corte d’appello di Perugia dei

28.12.2018/24.1.2019, udita la relazione svolta nella camera di

consiglio dell’1 ottobre 2019 e nella camera di consiglio del 28

novembre 2019 dal consigliere Dott. Abete Luigi.

Fatto

FATTO E DIRITTO

ritenuto che non ricorre l’ipotesi di cui all’art. 375 c.p.c., comma 1, n. 5, sicchè si impone la rimessione del presente procedimento alla pubblica udienza della seconda sezione civile di questa Corte;

ritenuto in particolare che va vagliata all’esito della pubblica udienza la quaestio

concernente l’individuazione della tabella allegata al D.M. n. 55 del 2014 applicabile alla fase monitoria celebratasi dinanzi al consigliere designato;

visto l’art. 380-bis c.p.c., u.c..

P.Q.M.

rimette il presente procedimento alla pubblica udienza della seconda sezione civile di questa Corte ed all’uopo rinvia a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 28 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 18 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA