Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4070 del 18/02/2011

Cassazione civile sez. trib., 18/02/2011, (ud. 12/01/2011, dep. 18/02/2011), n.4070

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. MERONE Antonio – rel. Consigliere –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 16275-2007 proposto da:

ATS SPA in persona del legale rappresentante, elettivamente

domiciliata in ROMA, PIAZZA VESCOVIO 21, presso lo studio

dell’avvocato MANFEROCE TOMMASO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato GARRO ANNAMARIA, giusta procura alle liti in

calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS) in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 41/2006 della Commissione Tributaria Regionale

di TORINO del 5.6.06, depositata il 27/07/2006;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/01/2011 dal Consigliere Relatore Dott. MERONE Antonio;

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. ZENO

Immacolata.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il Collegio:

Letti gli atti del ricorso specificato in epigrafe;

Vista, condivisa e fatta propria la relazione redatta ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. nella quale si legge:

“L’ATS SPA ricorre contro l’Agenzia delle Entrate per la Cassazione della sentenza indicata in epigrafe con la quale la CTR ha dichiarato inammissibile l’appello della stessa società perchè privo di specifici motivi di doglianza.

La società contribuente contesta la decisione impugnata denunciando violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 18 e vizi di motivazione, in quanto dall’esame dell’atto di appello emergerebbe che, contrariamente a quanto assume la CTR, erano ben chiari i motivi dell’impugnazione ed il petitum.

Il ricorso è improcedibile perchè basato su un atto (l’appello della società) che non è stato depositato assieme all’odierno ricorso, come prescrive l’art. 369 c.p.c., comma 1, n. 4, a pena di decadenza. Infatti, l’art. 369 c.p.c., comma 4, nel prescrivere che unitamente al ricorso per cassazione debbano essere depositati a pena d’improcedibilità gli atti processuali, i documenti, i contratti o accordi collettivi sui quali il ricorso si fonda, non distingue tra i vari tipi di censura proposta: ne consegue che, anche in caso di denuncia di error in procedendo, gli atti processuali devono essere specificamente e nominativamente depositati unitamente al ricorso e nello stesso termine (Cass. 303/2010)”;

Considerato che la relazione è stata notificata ai sensi dell’art. 308 bis c.p.c., comma 3, che la discussione in camera di consiglio non ha apportato nuovi elementi di valutazione e che, pertanto, il ricorso deve essere dichiarato improcedibile, con la condanna della parte ricorrente al pagamento delle spese, liquidate come da dispositivo, per il principio della soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara improcedibile il ricorso e condanna la parte ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in complessivi Euro 2700, per onorario, oltre le spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA