Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4061 del 18/02/2011

Cassazione civile sez. lav., 18/02/2011, (ud. 14/01/2011, dep. 18/02/2011), n.4061

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VIDIRI Guido – Presidente –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. MORCAVALLO Ulpiano – rel. Consigliere –

Dott. MELIADO’ Giuseppe – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 16842-2007 proposto da:

G.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE GIULIO

CESARE 21/23, presso lo studio dell’avvocato BOURSIER NIUTTA CARLO,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato BROZZETTI

LUCIANO, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

FONTI DI RAMIOLA S.R.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 67/2 0 04 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 08/06/2006 R.G.N. 327/01;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/01/2011 dal Consigliere Dott. MORCAVALLO Ulpiano;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello che ha concluso per l’estinzione del ricorso.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. Con la sentenza qui impugnata la Corte d’appello di Bologna, in parziale accoglimento del gravame proposto dalla società Fonti di Ramiola s.p.a. avverso la decisione di primo grado del Tribunale di Parma, giudice del lavoro, respingeva la domanda di G.F., già dipendente di tale società con qualifica di dirigente, in relazione alla pretesa relativa all’indennità di mancato preavviso.

In particolare, la Corte di merito riteneva non dovuta l’indennità in quanto il G. si era dimesso senza giusta causa, non potendo ricollegarsi le sue dimissioni alla avvenuta sospensione della retribuzione, per la quale era rimasto accertato che egli, direttamente coinvolto nella gestione della società, aveva semplicemente preso atto, in esito ad una riunione ristretta cui aveva partecipato, delle difficoltà finanziarie dell’azienda, senza nulla recriminare circa la determinazione della datrice di lavoro di sospendere temporaneamente il pagamento delle retribuzioni.

2. Di questa sentenza il G. domanda la cassazione con ricorso articolato in tre motivi. La società è rimasta intimata.

3. Anteriormente all’udienza di discussione i difensori del ricorrente hanno depositato memoria con cui hanno comunicato alla Corte l’avvenuta transazione della lite – come da “atto di transazione” prodotto ai sensi dell’art. 372 c.p.c. – e hanno chiesto, di conseguenza, la declaratoria di inammissibilità, o improcedibilità, del giudizio.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

In limine il Collegio osserva che dall’atto di transazione sopra menzionato risulta che il lavoratore e la società datrice di lavoro hanno definito in via transattiva la posizione contenziosa ricollegabile al rapporto di lavoro fra loro intercorso e che, in particolare, il G. ha rinunciato agli atti e all’azione relativi al ricorso qui in esame. Ne consegue, in mancanza dei presupposti formali per la pronuncia di estinzione ai sensi degli artt. 390 e 391 c.p.c., la declaratoria di inammissibilità dell’impugnazione proposta, per sopravvenuta carenza di interesse, con compensazione – fra le medesime parti – delle spese del giudizio, alla stregua delle specifiche determinazioni, in tal senso, contenute nell’accordo transattivo.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile, per sopravvenuta carenza di interesse, e compensa le spese di giudizio.

Così deciso in Roma, il 14 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 18 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA