Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 4015 del 16/02/2021

Cassazione civile sez. VI, 16/02/2021, (ud. 09/12/2020, dep. 16/02/2021), n.4015

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VALITUTTI Antonio – Presidente –

Dott. MELONI Marina – rel. Consigliere –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 6424-2019 proposto da:

C.G., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE, di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato STEFANO PRONTERA;

– ricorrente –

contro

CONSORZIO ORFINI PODESTA’, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA SAN BERNARDO,

101, presso lo studio dell’avvocato ARTURO CANCRINI, che lo

rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

COMUNE DI FOLIGNO, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA XX SETTEMBRE N. 3, presso lo studio

dell’avvocato BRUNO SASSANI, rappresentato e difeso dagli avvocati

FRANCESCO PAOLO LUISO, SALVATORE PRESTIPINO;

– controricorrente –

contro

T.I., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso da se medesimo;

– controricorrente –

contro

RESTAURUM SRL, PARTITO POPOLARE ITALIANO (GONFALONE), A.C.,

A.S., S.F., CURATELA DEL FALLIMENTO DI A.L.

E DI (OMISSIS) SAS DI A.L. E C., G.N.,

R.R., M.F., M.S.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 667/2018 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositata il 03/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 09/12/2020 dal Consigliere Relatore Dott.ssa PARISE

CLOTILDE.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. La Corte d’appello di Perugia, con sentenza n. 667/2018 depositata il 3-9-2019, in parziale riforma della sentenza di primo grado, per quanto ancora di interesse, ha rigettato la domanda proposta da T.I., M.C., A.S., S.F. e dalla curatela del fallimento di A.L. e della (OMISSIS) sas di A.L. & e M. contro C.G., dichiarando integralmente compensate le

spese di primo grado tra il Capoti, da una parte, ed il T., M.C., M.S., S.F. e la curatela del fallimento di M.L. e della (OMISSIS) sas di M.L. & c., dall’altra; ha confermato nel resto l’appellata sentenza, dichiarando integralmente compensate le spese del grado fra il Capoti ed il T. e condannando la Restaurum s.r.l. e C.G. al rimborso in solido in favore dei convenuti costituiti, eccetto il Capoti nei confronti del Tornassoni, delle spese del grado. Infine la Corte territoriale ha dichiarato per la Restaurum s.r.l. e per C.G. la sussistenza delle condizioni di legge per la duplicazione del contributo unificato.

2. Avverso la citata sentenza C.G. propone ricorso per cassazione affidato ad un motivo, a cui resistono, con separati controricorsi, T.I., il Comune di Foligno e il Consorzio Orfini Podestà. Le altre parti sono rimaste intimate.

3. Con istanza di data 30-11-2020 il ricorrente ha chiesto disporsi la riunione tra il presente procedimento e quello iscritto al n. 6429/2019 R.G. avente ad oggetto l’impugnazione della medesima sentenza n. 667/2018 emessa il 21-6-2018 dalla Corte d’appello di Perugia e depositata il 3-9-2018.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. Con unico articolato il ricorrente lamenta la violazione degli artt. 91 e 92 c.p.c., con riferimento al capo della sentenza d’appello che ha statuito sulla ripartizione delle spese di lite dei giudizi di primo e secondo grado, nonchè denuncia la violazione del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, in relazione alla declaratoria di sussistenza dei presupposti per la debenza della duplicazione del contributo unificato.

2. Avverso la medesima sentenza n. 667/2018 emessa il 21-62018 dalla Corte d’appello di Perugia e depositata il 3-9-2018 è stato proposto ricorso in cassazione dalla Restaurum s.r.l., iscritto al n. 6429/2019 R.G., che è tuttora pendente.

Va, pertanto, disposto il rinvio della causa a nuovo ruolo, onde consentire l’obbligatoria riunione, ai sensi dell’art. 335 c.p.c., dei due procedimenti.

P.Q.M.

La Corte dispone il rinvio della causa a nuovo ruolo, onde consentire la riunione, ai sensi dell’art. 335 c.p.c., tra il presente procedimento e quello iscritto al n. 6429/2019 R.G..

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta-1 sezione civile, il 9 dicembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA