Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 39722 del 13/12/2021

Cassazione civile sez. I, 13/12/2021, (ud. 17/09/2021, dep. 13/12/2021), n.39722

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – rel. Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16240/2020 proposto da:

B.K., elettivamente domiciliato presso l’avv. Castiglioni

Monica, dalla quale è rappres. e difesa, con procura speciale in

atti;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, in persona del Ministro p.t., elett.te domic.

presso l’Avvocatura Generale dello Stato che lo rappres. e difende;

– intimato –

avverso la sentenza n. 675/2020 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 03/03/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

17/09/2021 dal Cons., Dott. CAIAZZO ROSARIO.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

Il Tribunale di Bologna, con ordinanza dell’1.9.17, rigettò il ricorso proposto da B.K., cittadino del (OMISSIS), avverso il provvedimento della Commissione territoriale, ritenendo il ricorrente non credibile. Quest’ultimo propose appello, relativamente alle protezioni sussidiaria ed umanitaria che la Corte d’appello, con sentenza del 14.2.2020, ha respinto, osservando che: le dichiarazioni del ricorrente non erano credibili, non suffragate da riscontri probatori; in particolare, non era riconoscibile la protezione sussidiaria D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 14, ex lett. c), in quanto dalle fonti aggiornate esaminate non se ne desumevano i presupposti; non era riconoscibile neanche la protezione umanitaria per l’insussistenza di condizioni di vulnerabilità, sia per la ritenuta inattendibilità, sia perché l’allegata integrazione sociale (peraltro documentata da atti tardivamente depositati in appello) non risultava adeguatamente provata (era stato prodotto l’atto di proroga di 45 gg. di un contratto di lavoro temporaneo). B.K. ricorre in cassazione con unico motivo.

Il Ministero si è costituito al solo fine di partecipare all’eventuale udienza di discussione.

Diritto

RITENUTO

CHE:

L’unico motivo denunzia nullità della sentenza impugnata per omessa e contraddittoria motivazione in relazione al D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 3 per non aver la Corte d’appello argomentato sulla procedimentalizzazione della valutazione di credibilità.

Al riguardo, il ricorrente critica la sentenza impugnata per aver affermato: immotivatamente che il racconto reso era generico e lacunoso; che il ricorrente non sarebbe credibile poiché era scappato dal proprio paese senza la famiglia; che il racconto sarebbe non credibile per presunte contraddizioni. Il ricorrente si duole altresì del fatto che la Corte territoriale ha pronunciato senza svolgere alcuna attività istruttoria in ordine alla veridicità di quanto raccontato.

Il motivo è inammissibile in quanto diretto al riesame dei fatti circa la valutazione di credibilità del ricorrente. Invero, la Corte territoriale ha adeguatamente motivato il giudizio di inattendibilità del ricorrente, confermando la valutazione espressa sia dalla Commissione tecnica che dal Tribunale, in quanto il racconto reso era troppo generico, lacunoso, confuso, avendo peraltro il K. dichiarato di temere la situazione di conflitto armato in (OMISSIS), pur avendo precisato di avere visto gli scontri tra le varie fazioni solo in televisione.

Nulla per le spese, atteso che il Ministero non ha depositato il controricorso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis ove dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 17 settembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 13 dicembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA