Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3967 del 14/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 14/02/2017, (ud. 09/12/2016, dep.14/02/2017),  n. 3967

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – rel. Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 3664-2016 proposto da:

G.S., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SARDEGNA 29,

presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO FERRARA, rappresentato e

difeso dagli avvocati SILVIO FERRARA, ALESSANDRO CRASTA giusta

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS);

– intimati –

avverso l’ordinanza n. R.G. 45016/2015 del GIUDICE DI PACE di ROMA

del 12/10/2015, depositata il 20/11/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

09/12/2016 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO ANTONIO

GENOVESE.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che, pur dopo il deposito della proposta di definizione della vertenza, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., da parte del consigliere designato, si profilano complesse questioni di diritto sostanziale, anche comunitario, attinenti alle richieste della parte nella fase di merito, sicchè è opportuno rimettere alla Pubblica udienza la discussione sui rilevanti profili implicati dall’esame della vertenza.

PQM

LA CORTE

Rimette la causa all’udienza pubblica della prima sezione civile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione sesta civile della Corte di cassazione, dai magistrati sopra indicati, il 9 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 14 febbraio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA