Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3960 del 19/02/2010

Cassazione civile sez. un., 19/02/2010, (ud. 09/02/2010, dep. 19/02/2010), n.3960

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITTORIA Paolo – Primo Presidente f.f. –

Dott. PAPA Enrico – Presidente di sezione –

Dott. FIORETTI Francesco – Consigliere –

Dott. PICONE Pasquale – Consigliere –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. MORCAVALLO Ulpiano – Consigliere –

Dott. TIRELLI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso per regolamento di giurisdizione proposto da:

spa Gruppo Torinese Trasporti, elettivamente domiciliata in Roma, Via

Principessa Clotilde 2, presso lo studio dell’avv. CLARIZIA Angelo,

che la rappresenta e difende per procura in atti unitamente agli avv.

Giuseppe Di Chio e Simona Rostagno;

– ricorrente –

contro

spa Rocksoil, sa Systra, spa Geodata e Ing. Q.L.;

– intimate –

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

9/2/2010 dal Relatore Cons. Dott. Francesco Tirelli;

Letta la requisitoria del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale Dott. CENICCOLA Raffaele, che ha concluso per la

dichiarazione della giurisdizione del giudice amministrativo.

La Corte:

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

letto il ricorso per regolamento preventivo di giurisdizione proposto dalla spa Gruppo Torinese Trasporti;

considerato che quest’ultima ha successivamente rinunciato al ricorso con atto sottoscritto dal presidente e dai difensori;

che non occorre provvedere sulle spese in considerazione del mancato svolgimento di attività difensiva da parte delle imprese intimate.

P.Q.M.

La Corte, a Sezioni Unite, dichiara l’estinzione del processo per rinuncia.

Così deciso in Roma, il 9 febbraio 2010.

Depositato in Cancelleria il 19 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA