Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3954 del 18/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 18/02/2020, (ud. 26/11/2019, dep. 18/02/2020), n.3954

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 19372/2017 R.G. proposto da:

C.G., rappresentato e difeso, per procura speciale in

calce al ricorso, dall’avv. Luigi P. MURCIANO, ed elettivamente

domiciliato in Roma, alla via degli Scipioni, n. 268/a, presso lo

studio legale dell’avv. Valerio CIONI;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO

STATO, presso la quale è domiciliata in Roma, alla via dei

Portoghesi n. 12;

– resistente –

avverso la sentenza n. 2625/10/2017 della Commissione tributaria

regionale dela TOSCANA, Sezione staccata di LIVORNO, depositata il

20/12/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 26/11/2019 dal Consigliere Lucio LUCIOTTI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

LA CORTE:

– premesso che, in controversia relativa ad impugnazione di un avviso di accertamento ai fini IRPEF emesso nei confronti di C.G., socio della P.C. & C. s.n.c., per il maggior reddito di partecipazione nella predetta società con riferimento all’anno d’imposta 2009, la CTR con la sentenza impugnata rigettava l’appello proposto dal contribuente avverso la sfavorevole sentenza di primo grado ritenendo applicabile al caso di specie il raddoppio dei termini di accertamento e che ciò comportava l’assorbimento di tutte gli altri motivi di impugnazione proposti dall’appellante;

– premesso, altresì, che per la cassazione della sentenza di appello ricorre il contribuente con due motivi, cui non replica per iscritto l’intimata;

– rilevato che sulla proposta avanzata dal relatore ai sensi del novellato art. 380 bis c.p.c., risulta regolarmente costituito il contraddittorio, all’esito del quale l’Agenzia delle entrate ha depositato memoria con cui ha chiesto dichiararsi la cessazione della materia del contendere stante l’intervenuto perfezionamento, attestato dall’Ufficio legale della competente Agenzia delle entrate con nota allegata alla predetta memoria, della definizione agevolata delle controversie, richiesta dalla contribuente ai sensi del D.L. 119 del 2018, art. 6, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 136 del 2018;

– ritenuto di poter accogliere la richiesta e di disporre in conformità con compensazione delle spese processuali;

– dato atto che non trova applicazione nel caso di specie il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla della L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, che pone a carico del ricorrente rimasto soccombente l’obbligo di versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, in quanto tale misura si applica ai soli casi – tipici – del rigetto dell’impugnazione o della sua declaratoria d’inammissibilità o improcedibilità e, trattandosi di misura eccezionale, lato sensu sanzionatoria, è di stretta interpretazione e non suscettibile, pertanto, di interpretazione estensiva o analogica (Cass. n. 31641 del 2019, n. 29822 del 2018, e n. 23175 del 2015).

P.Q.M.

dichiara estinto il giudizio per intervenuta cessazione della materia del contendere e compensa le spese processuali.

Così deciso in Roma, il 26 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 18 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA