Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 39505 del 13/12/2021

Cassazione civile sez. VI, 13/12/2021, (ud. 12/10/2021, dep. 13/12/2021), n.39505

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCODITTI Enrico – Presidente –

Dott. FIECCONI Francesca – Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – rel. Consigliere –

Dott. GIAIME GUIZZI Stefano – Consigliere –

Dott. GORGONI Marilena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1224-2020 proposto da:

D.R.M.C., domiciliata presso la cancelleria della CORTE

DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentata e difesa

dall’avvocato FILOMENA D’ADDARIO;

– ricorrente –

contro

SOGET SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 325/2019 della CORTE D’APPELLO DI LECCE,

depositata il 14/06/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/10/2021 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLO

PORRECA.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

d.R.M.C. ricorre, sulla base di un motivo, per la cassazione della sentenza n. 325 del 2019 del Tribunale di Lecce, esponendo che:

– aveva proposto opposizione all’esecuzione promossa nei propri confronti e presso il terzo INPS, dall’agente per la riscossione Soget, s.p.a., eccependo l’incompetenza territoriale del giudice investito;

– il Tribunale aveva dichiarato cessata la materia del contendere per dichiarazione negativa dell’ente previdenziale, e, in ragione del criterio della soccombenza virtuale, aveva condannato alle spese la Soget;

-la Corte di appello aveva rimesso la causa al primo giudice per mancata integrazione del contraddittorio necessario, con il terzo pignorato, davanti al Tribunale;

nessuno si è difeso per gli intimati.

Diritto

RILEVATO

Che:

con l’unico motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione degli artt. 101,102 e 354 c.p.c., poiché la Corte di appello avrebbe errato mancando di considerare che il terzo pignorato è litisconsorte necessario solo quando interessato alla liberazione dal vincolo pignoratizio;

Vista la proposta formulata del relatore ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

Rilevato che:

il ricorso è improcedibile;

infatti, non è stata prodotta l’asseverazione autografa della relata di notifica via p.e.c. del ricorso, da esibire a norma dell’art. 369 c.p.c., n. 2;

trattandosi, dunque, di notifica telematica, nell’attuale giudizio di legittimità è necessaria l’asseverazione in parola, a mente della ricostruzione chiarita da Cass., Sez. U., 24/09/2018, n. 22438;

per completezza si evidenzia che risulta una “attestazione di conformità” della “copia per immagine su supporto informatico…all’originale formato…su supporto analogico” della procura: si tratta, pertanto, di elemento del tutto differente dall’asseverazione autografa della copia analogica del ricorso firmato digitalmente, e della corrispondente relata di notifica telematica, di cui si è appena detto;

non deve provvedersi sulle spese attese le mancate difese delle parti intimate.

P.Q.M.

La Corte dichiara improcedibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, la Corte dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, se dovuto, da parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, il 12 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 13 dicembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA