Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3947 del 08/02/2022

Cassazione civile sez. II, 08/02/2022, (ud. 18/01/2022, dep. 08/02/2022), n.3947

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ORILIA Lorenzo – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – rel. Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 20561/2017 R.G. proposto da:

Avvocato D.E.L., c.f. (OMISSIS), rappresentato e difeso

disgiuntamente e congiuntamente da sé medesimo, ai sensi dell’art.

86 c.p.c., e, in virtù di procura speciale su foglio allegato in

calce al ricorso, dall’avvocato Pietro Referza; elettivamente

domiciliato in Roma, alla via Leonardo Greppi, n. 77, presso lo

studio dell’avvocato Antonio Ruggero Bianchi.

– ricorrente –

contro

BANCA D’ITALIA, Istituto di diritto pubblico, c.f. (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e

difesa congiuntamente e disgiuntamente in virtù di procura speciale

in calce al controricorso dall’avvocato Stefania Ceci, dall’avvocato

Marco Mancini, e dall’avvocato Adriana Pavesi, (dell’avvocatura

della medesima “Banca d’Italia”) ed elettivamente domiciliata in

Roma, alla via Nazionale, n. 91.

– controricorrente –

e

PROCURATORE GENERALE presso la CORTE d’APPELLO di ROMA;

– intimato –

avverso il decreto dei 8/30.5.2017 della Corte d’Appello di Roma;

udita la relazione nella Camera di consiglio del 18 gennaio 2022 del

Consigliere Dott. Luigi Abete.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

preso atto che l’avvocato D.E.L. ha depositato in via telematica rinuncia ex art. 390 c.p.c., datata 13.1.2022 al ricorso iscritto al n. 20561 – 2017 R.G.;

dato atto che la “Banca d’Italia” ha depositato rituale dichiarazione di adesione alla rinuncia;

ritenuto quindi che nulla osta alla declaratoria di estinzione;

ritenuto che nessuna statuizione è da assumere in ordine alle spese del presente giudizio di legittimità;

dato atto che non sussistono i presupposti processuali perché, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, il ricorrente sia tenuto a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione a norma dell’art. 13, comma 1 bis del medesimo D.P.R.;

visti gli artt. 390 e 391 c.p.c..

P.Q.M.

la Corte dichiara l’estinzione per intervenuta rinuncia del giudizio di legittimità introdotto con il ricorso proposto dall’avvocato D.E.L. ed iscritto al n. 20561 – 2017 R.G.;

dà atto che non sussistono i presupposti processuali perché, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, il ricorrente sia tenuto a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione a norma dell’art. 13, comma 1 bis, del medesimo D.P.R..

Così deciso in Roma, il 18 gennaio 2022.

Depositato in Cancelleria il 8 febbraio 2022

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA