Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3943 del 19/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Decr. Sez. 6 Num. 3943 Anno 2018
Presidente:
Relatore:

DECRETO
sul ricorso 16974-2017 proposto da:
BANCO DI DESIO E BRIANZA S.P.A., in persona
del legale rappresentante pro-tempore,
elettivamente domiciliato in ROMA, VIA
OMBRONE n. 14, presso lo studio
dell’avvocato GIUSEPPE FILIPPO MARIA LA
SCALA, che lo rappresenta e difende
unitamente all’avvocato ANTONIO CHRISTIAN
FAGGELLA PELLEGRINO;
– ricorrente contro
BURATO MAFALDA;
2018
18

– intimata avverso la sentenza n. 2172/2016 della

Data pubblicazione: 19/02/2018

\

CORTE D’APPELLO di MILANO, depositata il

31/05/2016.

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
A SEZIONE CIVILE – SO FTOSEZIONE PRIMA
SESTA

DEC RETO
RG 16974/17

Banco Desio e Brianza S.p.A., rappresentato e difeso dagli Avv.ti Giuseppe F.M. La Scala ed Antonio
Christian FAGGELLA PELLEGRINO, entrambi del Foro di Milano, elettivamente domiciliati presso il loro
Studio in Roma via Ombrone n. 14, giusta procura speciale rep. N. 14230 del 29.01.16 per atto del Notaio
dott.ssa Valentina Sassoli del Collegio Notarile di Milano:
RICORRENTE
e da:

Mafalda BURATO
INTIMATA
avverso:
sentenza della Corte di Appello di Milano n. 2172/16 depositata in data 31/05/16.
IL PRESIDENTE
letta la rinuncia al ricorso proposta dal ricorrente:
ritenuto che la rinuncia ha i requisiti richiesti dagli articoli 390 e 391 cpc:
ritenuto che l’estinzione può essere dichiarata con decreto ai sensi dell’art. 391 cpc come modificato dalla
dl. 68 del 2016 conkertito con modificazioni in 1.197/16:
ritenuto che non si deve provvedere sulle spese in assenza di attività difensiva dell’intimata:
P.Q.M.
la corte dichiara estinto il giudizio.
Dispone che del presente decreto sia data comunicazione ai difensori delle parti costituite e li avvisa che nel
termine di dieci giorni dalla comunicazione possono chiedere che sia fissata l’udienza.

sul ricorso proposto da:

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA