Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3940 del 18/02/2011

Cassazione civile sez. trib., 18/02/2011, (ud. 16/03/2010, dep. 18/02/2011), n.3940

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. MARIGLIANO Eugenia – Consigliere –

Dott. CAMPANILE Pietro – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. POLICHETTI Renato – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 9846-2006 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12 presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– ricorrente –

contro

ITAL DISTRIBUZIONE MODERNA SPA già LA RINASCENTE SPA, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA

VIA BERTOLONI 29 presso lo studio dell’avvocato PETTINATO SALVO, che

lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato CAMOSCI GIUSEPPE,

giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 71/2004 della COMM. TRIB. REG. di GENOVA,

depositata il 06/04/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

16/03/2010 dal Consigliere Dott. RENATO POLICHETTI;

udito per il resistente l’Avvocato BERRUTI PAOLO per delega Avv.

PETTINATO, che ha chiesto il rigetto;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. DE

NUNZIO WLADIMIRO, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso per

quanto di ragione.

Fatto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La Commissione Tributaria della Liguria ha accolto l’appello della La Rinascente s.p.a. annullando un avviso di liquidazione per INVIM decennale ed ha condannato l’Agenzia al rimborso di quanto pagato per esso.

Ha ritenuto che la base dell’imposta nel caso di cessazione dell’adibizione ad uso strumentale di un bene immobile vada calcolata sull’incremento di valore nel periodo dalla predetta cessazione al termine del decennio. Ha poi ritenuto che il valore, denunciato per errore materiale come finale, era quello iniziale, mentre quello finale andava calcolato sulla base delle nuove rendite catastali e risultava inferiore a quello iniziale.

L’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per cassazione affidato a tre motivi, resiste con controricorso la Società Italiana Distribuzione Moderna s.p.a., già La Rinascente.

Con il primo motivo, deducendo violazione della normativa sull’INVIM decennale, l’Agenzia delle Entrate afferma che la base di calcolo deve essere quella della differenza di valore del bene tra l’acquisto e il termine del decennio.

La censura è solo in parte fondata. Ha ritenuto questa Corte con sentenza n. 5728 del 2005 che: “In tema di INVIM decennale di cui al D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 643, art. 3, qualora nel corso del decennio cui si riferisce l’imposta dovuta venga meno la destinazione dell’immobile all’esercizio dell’attività commerciale e, quindi, il diritto alla esenzione dal tributo, prevista dall’art. 25, comma 2, lett. d), del citato decreto (comma sostituito dalla L. 22 dicembre 1975, n. 694, art. 3), l’incremento di valore imponibile va determinato assumendo come valore iniziale del bene non quello che esso aveva alla data dell’acquisto, nè quello risultante al momento della cessazione della utilizzazione strumentale, bensì esclusivamente il valore corrispondente alla data di inizio del decennio di riferimento.

Con il secondo motivo la ricorrente deduce la mancanza di motivazione in ordine al capo della sentenza con il quale la CTR ha ritenuto che la contribuente abbia commesso un errore materiale indicando come valore finale un valore diverso da quello cd. automatico, potendo la contribuente avere interesse a dichiarare un valore maggiore di questo.

Il motivo è fondato in quanto manca motivazione al riguardo e la giustificazione che ne da la contribuente nel ricorso, mentre conferma la mancanza di motivazione, comporta accertamenti di fatto che esulano dai poteri di questa Corte.

Il terzo motivo che denunzia vizio extrapetizione è assorbito.

In accoglimento dei primi due motivi va cassata la sentenza impugnata e rinviata la causa, anche per le spese del giudizio di legittimità, ad altra sezione della CTR della Liguria, la quale nel decidere si atterrà al trascritto principio di diritto.

P.Q.M.

La Corte accoglie i primi due motivi del ricorso, assorbito il terzo cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese del giudizio di legittimità, ad altra sezione della CTR della Liguria.

Così deciso in Roma, il 16 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 18 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA