Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 39116 del 09/12/2021

Cassazione civile sez. VI, 09/12/2021, (ud. 08/07/2021, dep. 09/12/2021), n.39116

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRAZIOSI Chiara – Presidente –

Dott. FIECCONI Francesca – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – rel. Consigliere –

Dott. GUIZZI Stefano Giaime – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 24681-2020 proposto da:

B.S., BO.FA., domiciliati presso la

cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA,

rappresentati e difesi dall’avvocato LUCA BERNI;

– ricorrente –

contro

RED SEA SPV SRL, e per essa mandataria PRELIOS CREDIT SERVICING SPA,

in persona del legale rappresentante pro tempore, domiciliata presso

la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA,

rappresentata e difesa dagli avvocati FABRIZIO CESARE, MARIA

GABRIELLA CESARE;

– controricorrente –

contro

BANCO BPM SPA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 624/2020 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 15/06/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’08/07/2021 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONELLA

PELLECCHIA.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. BPM S.p.a. convenne in giudizio Bo.Fa. e B.S. al fine di chiedere l’inefficacia ex art. 2901 c.c. dell’atto di donazione, perché potenzialmente lesiva del suo credito, effettuato dal Bo. in favore della coniuge B.. La Banca dedusse di essere creditrice nei confronti del Bo. in virtù di fideiussioni che questo aveva prestato a garanzia dell’esposizione debitoria della società BM Impianti s.r.l..

I congiunti si costituirono in giudizio contestando la domanda attorea per l’assenza dei presupposti necessari per esperire l’azione ex art. 2901 c.c. e comunque per l’assenza di un credito certo.

Il Tribunale di Brescia, con sentenza n. 2394/2018, accolse la domanda attorea revocando e dichiarando l’inefficacia nei confronti di Credito Bergamasco S.p.a. dell’atto di donazione, ritenendo sussistenti i presupposti per l’accoglimento dell’azione revocatoria stante la prova dell’esistenza del credito.

2. La Corte d’appello di Brescia, con sentenza n. 624/2020, pubblicata il 15 giugno 2020, ha rigettato l’appello proposto dal Bo. e dalla B..

I giudici di seconde cure hanno confermato integralmente la pronuncia del Tribunale ritenendo provato il credito vantato dall’Istituto nonché la sussistenza di tutti i presupposti necessari per accogliere l’azione revocatoria.

3. Avverso la suddetta pronuncia Bo.Fa. e B.S. propongono ricorso per cassazione sulla base di due motivi.

Red Sea SPV s.r.l. resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

4. Con il primo motivo di ricorso i ricorrenti lamentano omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti. La Corte d’appello non avrebbe tenuto in considerazione gli esiti della CTU da cui si evincerebbe che il rapporto di credito garantito sarebbe parzialmente nullo per la presenza di innumerevoli irregolarità/illegittimità.

4.2. Con il secondo motivo il ricorrente lamenta la violazione o falsa applicazione di norme di diritto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 ed in particolare dell’art. 1936 ss. c.c. in materia di fideiussione, artt. 1419 e 1815 c.c. in tema di nullità del contratto nonché ai sensi della L. n. 287 del 1990, ex art. 2, comma 2, lett. a). Secondo il ricorrente la fideiussione prestata dal Bo. sarebbe nulla in quanto conforme allo schema (OMISSIS) che viola le regole poste a tutela della concorrenza, nullità che dovrebbe essere rilevata d’ufficio dal giudice in ogni stato e grado del processo.

5. La Corte rimette la causa all’udienza pubblica della Terza sezione civile.

P.Q.M.

La Corte rimette la causa all’udienza pubblica della Terza sezione civile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte suprema di Cassazione, il 8 luglio 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 dicembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA