Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3909 del 17/02/2020

Cassazione civile sez. lav., 17/02/2020, (ud. 07/11/2019, dep. 17/02/2020), n.3909

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – rel. Consigliere –

Dott. CIRIELLO Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 26857/2014 proposto da:

D.B.G., nella qualità di coniuge ed erede di

A.C., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 34,

presso lo studio dell’avvocato LUCIANO CARUSO, rappresentato e

difeso dall’avvocato ORAZIO PAPALE;

– ricorrente –

contro

I.N.A.I.L. – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI

INFORTUNI SUL LAVORO, C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

IV NOVEMBRE 144, presso lo studio degli avvocati EMILIA FAVATA,

LUCIANA ROMEO, che lo rappresentano e difendono;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 401/2014 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 22/05/2014 R.G.N. 252/2011.

Fatto

RILEVATO

che:

1. Con sentenza n. 401 del 22.5.2014 la Corte di appello di Catania, in riforma della pronuncia del Tribunale di Caltagirone, ha respinto la domanda di D.B.G. promossa nei confronti dell’Inail per l’accertamento del nesso causale tra la patologia sofferta dal coniuge, A.C., quale conseguenza di infortunio (epatite cronica HCV correlata ad impronta autoimmune) e l’infermità (sindrome mielodispastica) che ha condotto al decesso della moglie, con conseguente rigetto della domanda di corresponsione della rendita di reversibiltà;

2. la Corte ha ritenuto, alla luce di una rinnovata consulenza tecnica d’ufficio, non sufficientemente provato il nesso causale tra tecnopatia e decesso del coniuge, non essendo stato accertato un adeguato grado di probabilità a fronte delle conclusione del perito che ha precisato come “è molto improbabile che siano sussistite concrete correlazioni tra l’infermità conseguenza dell’infortunio e l’infermità che, con successione clinico-patologica, condusse al decesso la signora A.”;

3. per la cassazione della sentenza ricorre il D.B. affidandosi a un motivo e l’Inail resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

1. con l’unico motivo, il ricorrente, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 (desumendosi ciò dal contenuto del motivo, non essendo stato indicato alcun parametro legale), deduce l’omessa esame di un fatto decisivo, discusso tra le parti, consistente nell’accertamento del consulente tecnico d’ufficio che “è improbabile ma non è possibile escludere una ipotesi di correlazione causale o concausale”;

2. il ricorso non merita accoglimento avendo questa Corte chiarito che in tema di malattia professionale, derivante da lavorazione non tabellata o ad eziologia multifattoriale, la prova della causa di lavoro grava sul lavoratore (Cass. n. 17438 del 12/10/2012, Cass. n. 8773 del 10/04/2018);

3. il nesso causale tra l’attività lavorativa e il danno alla salute dev’essere valutato secondo un criterio di rilevante o ragionevole probabilità scientifica (v. Cass. n. 8773 del 10/04/2018 e, in merito alle prestazioni di assistenza sociale, Cass. n. 753 del 17/01/2005, Cass. n. 27449 del 29/12/2016, Cass. n. 24959 del 23/10/2017);

4. le Sezioni Unite di questa Corte, muovendo dalla considerazione che i principi generali che regolano la causalità materiale (o di fatto) sono anche in materia civile quelli delineati dagli artt. 40 e 41 c.p. e dalla regolarità causale – salva la differente regola probatoria che in sede penale è quella dell'”oltre ogni ragionevole dubbio”, mentre in sede civile vale il principio della preponderanza dell’evidenza o del “più probabile che non” – hanno poi ulteriormente precisato che la regola della “certezza probabilistica” non può essere ancorata esclusivamente alla determinazione quantitativo – statistica delle frequenze di classe di eventi (c.d. probabilità quantitativa), ma va verificata riconducendo il grado di fondatezza all’ambito degli elementi di conferma disponibili nel caso concreto (c.d. probabilità logica) (cfr. Cass. Sez. Un. 581 del 11/1/2008, Cass. n. 29315 del 07/12/2017);

5. è stato, infine, evidenziato come, “in tema di accertamento della sussistenza di una malattia professionale non tabellata e del relativo nesso di causalità – posto che la prova, gravante sul lavoratore, deve essere valutata in termini di ragionevole certezza, nel senso che, esclusa la rilevanza della mera possibilità dell’origine professionale, questa può essere ravvisata in presenza di un notevole grado di probabilità – il giudice può giungere al giudizio di ragionevole probabilità sulla base della consulenza tecnica d’ufficio che ritenga compatibile la malattia non tabellata con la “noxa” professionale utilizzando, a tale scopo, anche dati epidemiologici, per suffragare una qualificata probabilità desunta anche da altri elementi. In tal caso, il dato epidemiologico (che di per sè attiene ad una diversa finalità) può assumere un significato causale, tant’è che la mancata utilizzazione di tale dato da parte del giudice, nonostante la richiesta della difesa corroborata da precise deduzioni del consulente tecnico di parte, è denunciabile per cassazione” (cfr. Cass. 3227/2011 cit.);

6. la relazione del consulente tecnico recepita dalla Corte d’appello ha rilevato che tenuto conto del fatto che “è molto improbabile che siano sussistite concrete correlazioni tra l’infermità conseguenza dell’infortunio (epatite HCV correlata ad impronta autoimmune) e l’infermità (sindrome mielodispastica) che, con successione clinico-patologica, condusse al decesso la signora A., ciò considerata l’incertezza etiopatogenica attuale delle sindromi mielodispastiche, sulla base delle conoscenze scientifiche in atto prevalenti”;

7. la sentenza di merito, pur non riportando nel testo della motivazione l’inciso precisato in perizia (secondo cui “è improbabile ma non è possibile escludere una ipotesi di correlazione

causale o concausale”), ha fatto corretta applicazione delle regole che governano la valutazione del nesso di causalità ed il ragionamento logico della “ragionevole probabilità scientifica” ed è, dunque, esente dalle critiche che gli vengono mosse;

8. le spese di lite sono regolate secondo il principio della soccombenza, non risultando dalla sentenza d’appello le condizioni di cui all’art. 152 disp att. c.p.c.;

9. sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato previsto dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 (legge di stabilità 2013) pari a quello – ove dovuto – per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed in Euro 3.000,00 per compensi professionali, oltre spese generali al 15% ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 7 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA