Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 38926 del 07/12/2021

Cassazione civile sez. I, 07/12/2021, (ud. 11/11/2021, dep. 07/12/2021), n.38926

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco A. – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio – rel. Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – Consigliere –

Dott. CAPRIOLI Maura – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1245/2021 proposto da:

E.A.B., avvocato Carmela Maria Cordaro;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’interno;

– intimato –

avverso l’ordinanza del GIUDICE DI PACE di MESSINA, depositata il

23/11/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

11/11/2021 da Dott. LAMORGESE ANTONIO PIETRO.

 

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

E.A.B., cittadino del (OMISSIS), propone ricorso per cassazione avverso il decreto del Giudice di Pace di Messina del 23.11.2020 che ha rigettato il suo ricorso avverso il decreto prefettizio di espulsione, per essere entrato illegalmente nel territorio italiano, a seguito del provvedimento del questore di rigetto dell’istanza di rilascio del permesso di soggiorno per motivi di famiglia.

Egli deduce violazione e falsa applicazione del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, art. 13, comma 2-bis, e art. 8 Cedu, per avere omesso di valutare l’illegittimità del decreto di espulsione, avendo egli forti legami familiari con l’Italia (convivenza con un fratello e radicamento di tre minori), e dell’art. 19 D.Lgs. cit., art. 3 Cedu e art. 33 della Convenzione di Ginevra, per ragioni di salute, poiché il suo paese non garantisce cure adeguate di contrasto al Covid 19.

Il primo motivo è inammissibile ex art. 360-bis c.p.c., n. 1 (cfr. Cass. n. 5437 del 2020, n. 27077 del 2019), avendo il Giudice di Pace correttamente ritenuto che la legittimità del provvedimento impugnato non fosse correlata all’esito del diverso procedimento di rinnovo del permesso di soggiorno per motivi di famiglia, conclusosi in primo grado con il rigetto dell’istanza.

Il secondo motivo, che denuncia l’omessa valutazione delle ragioni di salute impeditive dell’espulsione, è del tutto privo di specificità e, dunque, inammissibile, risultando diretto a ottenere la rivisitazione di un incensurabile apprezzamento di fatto sulle condizioni sanitarie in cui versa il paese di origine del ricorrente.

Il ricorso è inammissibile.

Non si deve provvedere sulle spese, non avendo il Ministero dell’interno svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, il 11 novembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 7 dicembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA