Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 38901 del 07/12/2021

Cassazione civile sez. lav., 07/12/2021, (ud. 28/10/2021, dep. 07/12/2021), n.38901

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIA Lucia – Presidente –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – rel. Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere –

Dott. CINQUE Guglielmo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 30442-2019 proposto da:

R.F.I. – RETE FERROVIARIA ITALIANA S.P.A. – Società con socio unico,

soggetta all’attività di direzione e coordinamento di Ferrovie

dello Stato Italiane S.p.A., in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE MAZZINI 134,

presso lo studio dell’avvocato LUIGI FIORILLO, rappresentata e

difesa dall’avvocato PAOLO TOSI;

– ricorrente –

contro

L.P.C., + ALTRI OMESSI, tutti domiciliati in ROMA PIAZZA

CAVOUR presso LA CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE,

rappresentati e difesi dall’avvocato LORENZO FRANCESCHINIS;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 881/2019 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 21/05/2019 R.G.N. 612/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/10/2021 dal Consigliere Dott. ADRIANO PIERGIOVANNI PATTI.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. con sentenza 21 maggio 2019, la Corte d’appello di Milano rigettava il gravame di Rete Ferroviaria Italiana s.p.a. avverso la sentenza di primo grado, che aveva dichiarato la nullità degli artt. 18, punto settimo CCNL 16 aprile 2003 e 7 dell’accordo 1 marzo 2006, nella parte di esclusione del computo dell’intero periodo di apprendistato ai fini degli aumenti periodici di anzianità e accertato il diritto di L.P.C., + ALTRI OMESSI all’integrale riconoscimento dell’anzianità di servizio maturata durante tale arco temporale e condannato la società datrice al pagamento, in loro favore, dei consequenziali importi maturati dall’assunzione;

2. A motivo della decisione, la Corte territoriale ribadiva la nullità della limitazione del computo dell’anzianità maturata durante il periodo di apprendistato, stabilita dalle suindicate fonti collettive, per contrasto con la previsione della L. n. 25 del 1955, art. 19.

Essa riteneva, infatti, vigente la disposizione normativa, espressamente abrogata dal D.Lgs. n. 167 del 2011, art. 7, comma 6 nell’irrilevanza al riguardo della delega alle parti sociali del D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 49, in quanto specificamente limitata alla durata del contratto di apprendistato professionalizzante (comma 3) e, “fino all’approvazione della legge regionale prevista” allo scopo, alla regolamentazione dei profili formativi, rimessi alle regioni e alle province autonome di Trento e Bolzano (comma 5 e quinto-bis); neppure potendosi reputare un’abrogazione implicita della norma per incompatibilità delle tipologie contrattuali, essendo anzi prevista la sua vigenza, in attesa della regolamentazione del contratto di apprendistato (D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 47, comma 3);

3. la Corte territoriale riteneva poi assimilabili le locuzioni normative riguardanti la rilevanza del periodo formativo in funzione dell’anzianità di servizio: “computato” in essa per D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 3, commi 5 e 12 e “considerato utile” per la L. n. 25 del 1955, art. 19;

4. infine, essa rinveniva una conferma coerente di correttezza dell’interpretazione patrocinata nel diritto dell’Unione Europea (in particolare, nella Direttiva 2000/78), come interpretato dalla giurisprudenza della CGUE, sotto il profilo della parità di trattamento, in riferimento all’età, in materia di occupazione e di condizioni di lavoro;

5. con atto notificato il 16 ottobre 2019, la società ricorreva per cassazione con quattro motivi, cui resistevano i lavoratori suindicati con unico controricorso;

6. entrambe le parti comunicavano memoria ai sensi dell’art. 380bis1 c.p.c.;

7. il difensore della società ricorrente richiedeva, con espressa istanza, la trattazione della causa in pubblica udienza.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. la questione dell’equiparazione all’anzianità ordinaria di quella maturata durante determinati periodi del rapporto di lavoro, sia pure in riferimento ad altri istituti, è già stata affrontata da questa Corte, sicché non appaiono ricorrere i presupposti per la trattazione della causa in pubblica udienza;

2. la ricorrente deduce:

a) violazione e falsa applicazione della L. n. 25 del 1955, art. 19,D.Lgs. n. 276 del 2003, artt. 47,49,57 e più in generale di tutti il D.Lgs. n. 276 del 2003, artt. da 47 a 53 in relazione alla L. 25 del 1955, per inapplicabilità ai contratti di apprendistato in questione della L. 25 del 1955, per l’autonomia della nuova fattispecie di apprendistato professionalizzante, alternativa a quella previgente regolata dalla legge citata, pertanto da ritenere applicabile in via residuale alle sole ipotesi di apprendistato anteriori alla nuova disciplina, incompatibile con la precedente (primo motivo);

b) violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 49, comma 4, lett. c), e), L. n. 25 del 1955, art. 19, per incompatibilità specifica in tema di recesso, disciplinato dalla seconda norma senza previsione di conseguenze e cui connessa, in via accessoria, l’anzianità di servizio; al contrario di quella più recente, contenente specifiche disposizioni sul recesso per la nuova ed autonoma fattispecie, sostitutive, senza alcuna salvaguardia dell’anzianità, di quella anteriore, pertanto inapplicabile ai contratti di apprendistato professionalizzante in oggetto (secondo motivo);

c) violazione e falsa applicazione della L. n. 25 del 1955, art. 19, art. 12 preleggi, anche in relazione all’art. 7 dell’accordo sindacale nazionale 1 marzo 2006, per la diversa portata, da valorizzare secondo una corretta interpretazione letterale e sistematica (attenta alle significative differenze strutturali tra apprendistato, inserito in un contratto di lavoro a tempo indeterminato e contratto di formazione e lavoro, invece a termine, con evidenti riflessi sulle conseguenze giuridiche dell’inadempimento datoriale all’obbligo formativo), delle espressioni normative “considerare utile” (L. n. 25 del 1955, art. 19) e “computare” (D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 3): dovendosi intendere l’imperatività della prima norma nei limiti di una considerazione del servizio reso dal lavoratore nell’apprendistato, ai fini dell’anzianità, tale da non obliterarlo completamente e tuttavia da consentire all’autonomia collettiva di poterlo modulare: come appunto in riferimento all’accordo sindacale in questione, che ha ritenuto utile a detti fini solo una parte del periodo formativo (ventotto mesi su quarantasei), operandone una graduazione e non una sterilizzazione integrale, anche alla luce di una più attenta lettura dell’arresto (Cass. s.u. 20074/2010) richiamato dai giudici di merito (terzo motivo);

d) violazione e falsa applicazione degli artt. 1 e 2 Direttiva UE 2000/78, per la sostanziale inconferenza di una discriminazione indiretta per età, nel caso di specie, in assenza di alcun fattore determinante un differente trattamento collegato all’età, con esclusione di rilevanza decisionale, ma di mero obiter dictum (quarto motivo);

3. essi, congiuntamente esaminabili per ragioni di stretta connessione, sono infondati;

4. giova, in via di preliminare chiarimento, ribadire che il contratto di apprendistato, anche nel regime normativo previsto dalla L. n. 25 del 1955, si configura come rapporto di lavoro a tempo indeterminato a struttura bifasica, nel quale la prima è contraddistinta da una causa mista (aggiungendosi al normale scambio tra prestazione di lavoro e retribuzione l’elemento specializzante costituito da quello tra attività lavorativa e formazione professionale), mentre la seconda, soltanto residuale, perché condizionata al mancato recesso ai sensi dell’art. 2118 c.c., consiste nella trasformazione del rapporto in uno tipico di lavoro subordinato: con la conseguenza che, in caso di licenziamento intervenuto nel corso del periodo di formazione, è inapplicabile la disciplina relativa al licenziamento ante tempus nel rapporto di lavoro a tempo determinato (Cass. 3 febbraio 2020, n. 2365, in riferimento ad un’assunzione del 22 marzo 2005, con contratto di apprendistato della durata di trenta mesi; nel solco di Cass. 14 agosto 2017, n. 20103, p.ti da 5.1. a 5.3. in motivazione; Cass. 19 settembre 2016, n. 18309);

4.1. una tale modulazione bifasica del rapporto, lungi dall’essere incompatibile con la più articolata configurazione delle nuove forme di apprendistato compendiate nel D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 47, comma 1, lett. a), b), c) (applicabile ratione temporis), è stata anzi ritenuta, siccome in essi ricorrente, nel contratto di apprendistato professionalizzante, stipulato ai sensi dell’art. 49 D.Lgs. cit. (Cass. 3 agosto 2020, n. 16595) e così pure di formazione e lavoro (Cass. 26 gennaio 2015, n. 1324) e di inserimento (Cass. 25 settembre 2018, n. 22687; Cass. 4 marzo 2020, n. 6094, p.to 12. in motivazione);

4.2. non può allora dubitarsi, come meglio anche infra, della vigenza della L. n. 25 del 1955, art. 19 (che recita: “Qualora al termine del periodo di apprendistato non sia data disdetta a norma dell’art. 2118 c.c., l’apprendista è mantenuto in servizio con la qualifica conseguita mediante le prove di idoneità ed il periodo di apprendistato è considerato utile ai fini dell’anzianità di servizio del lavoratore”) fino all’abrogazione ad opera del D.Lgs. n. 167 del 2011, art. 7, comma 6;

5. al riguardo e’, infatti, irrilevante la “delega” conferita alle parti sociali dal D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 49, in quanto specificamente limitata alla “durata” del contratto di apprendistato professionalizzante (comma 3) e, “fino all’approvazione della legge regionale prevista” allo scopo, alla “regolamentazione dei profili formativi” rimessi alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano (comma 5 e quinto-bis): sicché, è evidente che la contrattazione collettiva, investita di una funzione precariamente sostitutiva del legislatore regionale, non possa esorbitare dal perimetro ad esso devoluto, di regolamentazione dei profili formativi del contratto di apprendistato;

5.1. giova in proposito rammentare la potestà legislativa esclusiva dello Stato in materia di “ordinamento civile”, a norma dell’art. 117 Cost., comma 2, lett. l), cui pertiene la disciplina del rapporto di lavoro e invece concorrente dello Stato e delle Regioni in materia di “istruzione” (ferma la legislazione esclusiva dello Stato in materia di “norme generali sull’istruzione”: art. 117 Cost., comma 2, lett. n)), “salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e formazione professionale” (art. 117, comma 3);

5.2. d’altro canto, quando il legislatore ha inteso delegare alla disciplina contrattuale l’intera materia dell’apprendistato, come con il D.Lgs. n. 167 del 2011, art. 2, comma 1 (“La disciplina del contratto di apprendistato è rimessa ad appositi accordi interconfederali ovvero ai contratti collettivi di lavoro stipulati a livello nazionale da associazioni dei datori e prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale nel rispetto dei seguenti principi: a)… m)… g, in attuazione della delega conferita dalla L. n. 247 del 2007, art. 1, comma 30 (“Il Governo è delegato ad adottare… garantendo l’uniformità della tutela dei lavoratori sul territorio nazionale… g, si è ben diversamente e inequivocamente espresso;

6. non si può poi ignorare come questa Corte, in un’attenta ricostruzione del quadro normativo regolante la disciplina dell’apprendistato, abbia già ritenuto: “Per completezza di ricostruzione… che lo stesso D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 47, comma 3 ha previsto che in attesa della regolamentazione del contratto di apprendistato restasse in vigore la disciplina dell’apprendistato dettata dalla L. n. 25 del 1955 come modificata dalla L. n. 196 del 1997. Ancora, va sottolineato che la L. n. 25 del 1955, art. 19 abrogato con l’intera legge solo con il citato D.Lgs. n. 167 del 2011, art. 7, comma 6 e dunque applicabile al caso in esame, prevede che “qualora al termine del periodo di apprendistato non sia data disdetta a norma dell’art. 2118 c.c. l’apprendista è mantenuto in servizio con la qualifica conseguita mediante le prove di idoneità ed il periodo di apprendistato è considerato utile ai fini dell’anzianità di servizio del lavoratore”.” (Cass. 14 agosto 2017, n. 20103, p.to 5.1. motivazione);

7. quanto poi alle locuzioni normative, con le quali il legislatore ha designato la rilevanza del periodo formativo in funzione dell’anzianità di servizio (“computato” in essa: D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 3, commi 5 e 12; “considerato utile”: L. n. 25 del 1955, art. 19), si tratta di espressioni assolutamente equivalenti;

7.1. ciò è stato pure affermato da un autorevole arresto di questa Corte, che, dopo avere specificamente indicato tra le “plurime… norme che fanno (o hanno fatto) salva la computabilità di certi periodi nell’anzianità di servizio… la L. 19 gennaio 1955, n. 55, art. 19 (recante la disciplina dell’apprendistato), che prevede che, qualora al termine del periodo di apprendistato non sia data disdetta, l’apprendista è mantenuto in servizio con la qualifica conseguita mediante le prove di idoneità ed il periodo di apprendistato è considerato utile ai fini dell’anzianità di servizio del lavoratore”, ha ben chiarito che “e’ vero che gli scatti di anzianità costituiscono un istituto giuridico di fonte esclusivamente contrattuale collettiva; ma l’equiparazione posta dalla legge (periodo di formazione e lavoro = periodo di lavoro ordinario), in quanto formulata in termini generali ed assoluti, non è derogabile dalla contrattazione collettiva”; sicché, “Il contratto collettivo potrebbe non prevedere affatto l’istituto degli scatti di anzianità, come anche lo può prevedere articolando nel modo più vario la progressione di tali aumenti retributivi automatici, ma non può escludere dal computo dell’anzianità di servizio, a tal fine, il pregresso periodo di formazione e lavoro. L’equiparazione tra periodo di formazione ed anzianità di servizio esprime un generale canone che si sovrappone, per il suo carattere inderogabile, anche alla contrattazione collettiva, la quale può sì disciplinare nel modo più vario istituti contrattuali rimessi interamente alla sua regolamentazione, come gli scatti di anzianità, ma non potrebbe introdurre un trattamento in senso lato discriminatorio in danno dei lavoratori che abbiano avuto un pregresso periodo di formazione” (Cass. s.u. 23 settembre 2010, n. 20074, p.ti 11 e 12 in motivazione);

8. ben si comprende allora che una diversa interpretazione integrerebbe una “discriminazione vietata, come si desume dalla pronuncia della Corte di giustizia del 18 giugno 2009, n. C-88/08, che, seppure sotto il profilo della discriminazione per l’età, ha ritenuto contrastante con gli artt. 1, 2 e 6 della direttiva del Consiglio 27 novembre 2000, 2000/78/CE, sulla parità di trattamento in materia di lavoro, una disciplina nazionale” (nella specie, austriaca) “che, proprio al fine degli scatti di anzianità, escludeva la formazione acquisita dal lavoratore prima dei diciotto anni di età” (così: Cass. 14 settembre 2015, n. 18045, p.to 4 in motivazione); nello stesso senso, è stato ritenuto che gli artt. 2 e 6, paragrafo 1, della direttiva citata debbano essere interpretati in senso ostativo ad una normativa nazionale (ancora austriaca), che, per porre fine a una discriminazione fondata sull’età, computi i periodi di servizio anteriori al compimento del diciottesimo anno di età, ma che comporti simultaneamente una norma, applicabile in realtà solo ai dipendenti vittime di tale discriminazione, che prolunga di un anno il periodo richiesto al fine dell’avanzamento in ciascuno dei primi tre scatti retributivi, mantenendo in tal modo in via definitiva una differenza di trattamento fondata sull’età (CGUE 28 gennaio 2015, in causa C417/13, OBB Personenverkehr AG vs. Starjakob) e invece in senso non ostativo ad una normativa nazionale (sempre austriaca), che, per porre fine ad una discriminazione basata sull’età (dipendente dall’applicazione di una normativa che computi, ai fini dell’inquadramento dei lavoratori di un’impresa nella tabella salariale, solo i periodi di attività maturati dopo i diciotto anni di età), sopprima retroattivamente e nei confronti dell’insieme di tali lavoratori un simile limite di età, ma autorizzi esclusivamente il computo dell’esperienza acquisita presso imprese che operino nel medesimo settore economico (CGUE 14 marzo 2018 in causa C-482/16, Stollwitzer vs. OBB Personenverkehr AG);

9. merita ancora sottolineare come il principio in discussione sia stato recepito anche nel comparto del lavoro pubblico, e pertanto ormai a livello di sistema complessivo, essendo stato affermato che la clausola 4 dell’Accordo quadro sul rapporto a tempo determinato, recepito dalla direttiva 99/70/CE (relativa al principio di non discriminazione, secondo il cui comma 1, in particolare: “Per quanto riguarda le condizioni di impiego, i lavoratori a tempo determinato non possono essere trattati in modo meno favorevole dei lavoratori a tempo indeterminato comparabili per il solo fatto di avere un contratto o rapporto di lavoro a tempo determinato, a meno che non sussistano ragioni oggettive”), di diretta applicazione, imponga al datore di lavoro pubblico di riconoscere, ai fini della progressione stipendiale e degli sviluppi di carriera successivi al 10 luglio 2001, l’anzianità di servizio maturata sulla base di contratti a tempo determinato, nella medesima misura prevista per il dipendente assunto ab origine a tempo indeterminato, fatta salva la ricorrenza di ragioni oggettive che giustifichino la diversità di trattamento (Cass. 16 luglio 2020, n. 15231; Cass. 19 agosto 2020, n. 17314; con operatività del principio anche nell’ipotesi in cui il rapporto a termine sia anteriore all’entrata in vigore della direttiva perché, in assenza di espressa deroga, il diritto dell’Unione si applica agli effetti futuri delle situazioni sorte nella vigenza della precedente disciplina);

10. in via conclusiva, deve essere affermata, come esattamente ritenuto dalla Corte territoriale, la nullità dell’art. 18 (contratto di apprendistato), comma 7 (retribuzione base dell’apprendista) del CCNL 16 aprile 2003 e dell’art. 7, u.c. dell’accordo 1 marzo 2006 (“L’anzianità di servizio nel primo periodo della tabella al precedente punto 3 non è valida ai fini della maturazione degli aumenti periodici di anzianità”), siccome in violazione della L. n. 25 del 1955, art. 19;

11. pertanto il ricorso deve essere rigettato, con la regolazione delle spese del giudizio secondo il regime di soccombenza e distrazione al difensore antistatario, secondo la sua richiesta, nonché raddoppio del contributo unificato, ove spettante nella ricorrenza dei presupposti processuali (conformemente alle indicazioni di Cass. s.u. 20 settembre 2019, n. 23535).

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna la società alla rifusione, in favore dei controricorrenti, delle spese del giudizio, che liquida in Euro 200,00 per esborsi e Euro 7.000,00 per compensi professionali, oltre rimborso per spese generali 15% e accessori di legge, con distrazione al difensore antistatario.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 28 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 7 dicembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA