Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 38894 del 07/12/2021

Cassazione civile sez. lav., 07/12/2021, (ud. 21/09/2021, dep. 07/12/2021), n.38894

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – rel. Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere –

Dott. PICCONE Valeria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 33157-2018 proposto da:

I.M., D.B., elettivamente domiciliati in ROMA,

VIALE REGINA MARGHERITA 294, presso lo studio dell’avvocato VALERIO

VALLEFUOCO, rappresentati e difesi dall’avvocato BIAGIO GIANCOLA;

– ricorrente –

contro

– G.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MARCELLO

PRESTINARI 13, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE ALESSIO

D’ONOFRIO, rappresentato e difeso dall’avvocato SERGIO CARACCIOLO;

– M.A., domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dall’avvocato CARLO SCARPANTONI;

– controricorrenti –

nonché contro

CONFEURO TERAMO;

– intimati –

avverso la sentenza n. 528/2018 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 19/07/2018 R.G.N. 240/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

21/09/2021 dal Consigliere Dott. MARGHERITA MARIA LEONE.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

La Corte di appello di L’Aquila con la sentenza n. 528/2018 aveva rigettato il reclamo proposto da D.B. e I.M. avverso la decisione con cui il tribunale di Teramo aveva ritenuto ancora sussistente il rapporto di lavoro tra M.A. e l’associazione ConfEuro di Teramo, in assenza di un valido atto di licenziamento, ed aveva condannato gli stessi, in via solidale con l’associazione, nella loro rispettiva qualità di Presidente e Vicepresidente della stessa, alla corresponsione delle retribuzioni spettanti alla lavoratrice dal 4.3.2014 al 20.2.2016.

La Corte aquilana, per quel che in questa sede interessa, aveva ritenuto sussistere la legittimazione passiva di D. ed I. in ragione del disposto dell’art. 38 c.c. circa la responsabilità patrimoniale delle persone che agiscono per conto della associazione non riconosciuta; aveva ritenuto non esistente in giudizio la domanda di D. e I. di avvalersi della transazione stipulata tra la M. e il G. (nominato da ConfEuro Teramo per la regolarizzazione del rapporto di lavoro del personale), così non potendosi estendere gli effetti di tale transazione sugli stessi, anche escludendo che questi avessero chiesto la produzione in giudizio di detta transazione. Il giudice di appello aveva infine rigettato le ulteriori doglianze relative alla statuizione circa la permanenza del rapporto di lavoro nel periodo in questione.

Avverso detta statuizione il D. e l’ I. proponevano ricorso affidato a tre motivi cui resistevano con separato controricorso M.A. e G.F..

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1) Con il primo motivo è dedotta la violazione e falsa applicazione dell’art. 1304 c.c. in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3. per aver la corte di merito ritenuto decaduta la parte dalla possibilità di avvalersi della transazione in quanto tardiva la formulazione della relativa istanza. A tal riguardo rilevava di aver avanzato la richiesta in talune mail anche nell’atto di appello, pur dando atto che nulla era invece chiesto nel verbale di udienza.

Pur tenendo in disparte le osservazioni circa la specificità della censura che solo richiama i documenti senza inserirne il contenuto nel testo, deve principalmente rilevarsi che agli atti manca proprio la transazione cui è fatto riferimento e di cui i ricorrenti vorrebbero avvalersi.

La sentenza impugnata statuisce in motivazione che mai è stata chiesta la produzione di detta transazione stipulata al di fuori del giudizio. Rispetto a tale precisa valutazione, la censura (peraltro inconferente rispetto al vizio richiamato), avrebbe richiesto, per non incorrere nel difetto di autosufficienza, quantomeno l’inserimento dell’esatto contenuto della richiesta, al fine di dar conto della eventuale erronea determinazione attualmente censurata (e ciò anche per confutare quanto a riguardo dichiarato della controricorrente circa l’assenza di qualsivoglia transazione). Il motivo per tali plurime ragioni è inammissibile.

2) Con la seconda censura è dedotta la violazione degli artt. 38,2086,2094,2104,2697 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, per aver, la corte di appello, omesso di analizzare il tema della “gestione del rapporto” di lavoro limitandosi a confermare la responsabilità patrimoniale dei ricorrenti.

Il motivo è inammissibile poiché è aggredito il merito della valutazione svolta dalla Corte d’appello peraltro diretto alla affermazione della legittimazione passiva dei ricorrenti quali Presidente e Vicepresidente di ConfEuro, affermata, anche nelle precedenti fasi del giudizio, sulla base del disposto dell’art. 38 c.c. Il motivo, peraltro, non indica dove e come tale eccezione sia stata posta nel giudizio, così non riuscendo a contrastare quanto a sua volta denunciato dalla parte controricorrente (pg 16) circa la novità della eccezione.

3) La terza censura denuncia la violazione dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per omessa valutazione di fatti decisivi relativi alla data di scioglimento della società e alla cessazione della sua operatività.

La Corte di merito nella impugnata decisione ha affrontato il tema anche delineando l’esatto contenuto delle censure mosse alla decisione del tribunale e dunque trattando e valutando le questioni poste con determinazione di merito non esaminabile ulteriormente in questa sede di legittimità. Il motivo è dunque infondato. Peraltro la attuale doglianza neppure indica dove e come le eccezioni attualmente svolte siano state prospettate, e quindi in discussione, e come le stesse possano essere dirimenti e decisive ai fini di una diversa valutazione (Cass. n. 23238/2017). Il rigetto del ricorso e dei suoi singoli motivi rende assorbito l’esame delle eccezioni preliminari sollevate dalla parte controricorrente.

Le spese possono essere compensate in ragione della complessità della vicenda anche articolata con “parallelo ” ricorso pendente dinanzi a questa Corte (RG n. 23219/2019) tra le medesime parti e con ragioni che intrecciano la presente controversia, di cui si è ritenuta opportuna la trattazione congiunta.

Si dà atto della sussistenza, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo, a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; compensa le spese.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente dell’ulteriore importo, a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, ove dovuto.

Così deciso in Roma, il 21 settembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 7 dicembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA