Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3876 del 08/02/2022

Cassazione civile sez. trib., 08/02/2022, (ud. 16/12/2021, dep. 08/02/2022), n.3876

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. FEDERICI Francesco – Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Angelo – rel. est. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 1662/2014 R.G. proposto da:

Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore p.t., rappresentata e

difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, dom.ta ex lege in Roma,

alla via dei Portoghesi, n. 12;

– ricorrente –

contro

M.E., e V.B., rappresentate e difese dagli

Avvocati Alessandro Cogliati Dezza e Edgardo Verna, ed elettivamente

domiciliate in Roma, alla via Alessandro Farnese, n. 7, presso lo

studio del primo;

– controricorrenti – e – ricorrenti incidentali –

nonché

S.S., S.D. e C.T., eredi di

S.G.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 149/01/2012 della CTR delle Marche, depositata

in data 27/11/2012;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

16 dicembre 2021 dal Dott. Angelo Napolitano, svoltasi mediante

collegamento da remoto.

 

Fatto

RITENUTO

che:

i contribuenti ricorrenti hanno depositato domanda di definizione agevolata della lite ai sensi del D.L. n. 119 del 2018, conv. in L. n. 136 del 2018;

l’Agenzia delle Entrate ha confermato la regolarità della definizione agevolata della lite, come risulta dalla memoria depositata dall’Avvocatura dello Stato in data 5/3/2021;

si deve dichiarare la cessazione della materia del contendere;

le spese restano a carico delle parti che le hanno anticipate.

P.Q.M.

La Corte dichiara la cessazione della materia del contendere.

Spese a carico delle parti che le hanno anticipate.

Così deciso in Roma, il 16 dicembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 8 febbraio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA