Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 38709 del 06/12/2021

Cassazione civile sez. VI, 06/12/2021, (ud. 12/10/2021, dep. 06/12/2021), n.38709

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. CINQUE Guglielmo – rel. Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7611-2020 proposto da:

M.S., domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la

CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’avvocato VINCENZO CICCONE;

– ricorrente –

contro

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO, (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA IV NOVEMBRE 144,

presso lo studio dell’avvocato TERESA OTTOLINI, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato LUCIANA ROMEO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 6554/2019 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 07/01/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/10/2021 dal Consigliere Relatore Dott. GUGLIELMO

CINQUE.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. La Corte di appello di Napoli, con la sentenza n. 6554/2019, in parziale modifica della pronuncia n. 1384/2013 emessa dal Tribunale di Nola, ha dichiarato il diritto di M.S. alla rendita corrispondente ad una percentuale di invalidità permanente pari al 21% a decorrere dal (OMISSIS) e ha condannato l’INAIL al pagamento della relativa rendita, oltre alla rifusione delle spese di giudizio quantificate in Euro 2.000,00 oltre accessori.

2. Avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione M.S. affidato ad un solo motivo, cui ha resistito l’INAIL con controricorso.

3. La proposta del relatore è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’udienza, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c..

4. Il ricorrente ha depositato memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Con l’unico articolato motivo il ricorrente denuncia la violazione e falsa applicazione dell’art. 91 c.p.c., nonché del D.M. n. 55 del 2014 e del D.M. n. 37 del 2018, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, per avere la Corte di merito liquidato le spese di lite in misura inferiore al minimo previsto dallo scaglione tra Euro 26.000 ed Euro 52.000, o a quello dello scaglione superiore ad Euro 26.000, applicabile alla fattispecie in esame in considerazione delle otto annualità di rendita INAIL spettanti ad esso istante con la decorrenza accertata in sede giurisdizionale.

2. Il motivo, come formulato, è inammissibile per difetto di specificità, non potendosi peraltro valutare le ulteriori argomentazioni svolte dal ricorrente con la memoria che non può contenere nuove censure ma solo illustrare quelle già proposte (Cass. n. 17893/2020).

3. Invero, atteso che la Corte di merito ha riconosciuto una rendita corrispondente ad una percentuale di invalidità del 21%, rispetto a quella già riconosciuta in prime cure del 14%, e considerato che, in caso di accoglimento parziale della pretesa in sede di gravame occorre avere riguardo al decisum e non al disputatum (Cass. n. 29420/2019), va rilevato che il ricorrente non ha offerto alcun elemento per ritenere che, in ordine alla riconosciuta rendita con una percentuale del 7% in più rispetto a quella ottenuta in prime cure (decisum), il valore della causa rientrasse nel rivendicato scaglione da 26.000 ad Euro 52.000 ovvero in un diverso e maggiore scaglione.

4. Inoltre, il ricorrente non ha tenuto conto della possibilità, da parte dell’organo giudicante, della riduzione ulteriore dei compensi per cause non complesse, per cui anche sotto questo profilo le articolate doglianze difettano di specificità.

5. Alla stregua di quanto esposto il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

6. Le spese di lite vanno dichiarate non ripetibili in virtù della dichiarazione resa dal ricorrente ai sensi dell’art. 152 disp. att. c.p.c..

7. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo risultante dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, deve provvedersi, ricorrendone i presupposti processuali, sempre come da dispositivo.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Dichiara le spese del presente giudizio non ripetibili. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 12 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 6 dicembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA