Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 38683 del 06/12/2021

Cassazione civile sez. trib., 06/12/2021, (ud. 24/11/2021, dep. 06/12/2021), n.38683

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SORRENTINO Federico – Presidente –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – rel. Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 24388/2012 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del direttore pro tempore,

rappresentata dall’Avvocatura Generale dello Stato, con domicilio

legale in Roma, via dei Portoghesi, n. 12, presso l’Avvocatura

Generale dello Stato;

– ricorrente –

contro

BIRELLO COSTRUZIONI SRL, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma Piazza Ara Coeli 1,

presso l’avvocato Ilaria Scatena, rappresentata e difesa dall’avv.

Paola Beconi;

– controricorrente –

Avverso la sentenza della COMM. TRIB. REG. TOSCANA n. 22/25/12,

depositata il 12/03/2012;

Udita la relazione svolta nella Camera di Consiglio del 24 novembre

2021 dal Consigliere Guida Riccardo.

 

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. L’Agenzia delle entrate ricorre con un motivo contro Birello Costruzioni S.r.l., che resiste con controricorso, avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della Toscana che ha dichiarato inammissibile (per decorrenza del termine “lungo” semestrale per proporre il gravame) l’appello dell’Amministrazione finanziaria avverso la sentenza di primo grado che, a sua volta, aveva accolto l’opposizione della società contro l’avviso di accertamento di maggiore imponibile, ai fini I.r.e.s. e I.r.a.p., e di maggiore volume di affari, ai fini I.v.a., per il periodo d’imposta 2005.

2. Preliminarmente si osserva che nella precedente Camera di Consiglio del 18/01/2019 questa Corte (in altra composizione) ha sospeso il giudizio su istanza della contribuente, datata 05/12/2018, di sospensione D.L. n. 119 del 2018 ex art. 6, comma 10, convertito con modificazioni dalla L. 17 dicembre 2018, n. 136.

3. La contribuente, in data 27/05/2019, ha depositato la domanda di definizione agevolata della controversia, ai sensi dell’art. 6, con la ricevuta di versamento dell’intero importo dovuto per il condono.

4. Entro il 31/12/2020 nessuna delle parti ha presentato l’istanza di trattazione di cui al citato D.L. n. 119 del 2018, art. 6, comma 13, né risulta intervenuto diniego della definizione, poi impugnato; pertanto, ai sensi di tale D.L. n. 119 del 2018, art. 6, comma 13, il processo si è estinto con il decorso del termine del 31 dicembre 2020; ai sensi dell’ultimo periodo del comma 13, le spese del processo estinto restano a carico della parte che le ha anticipate.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, il 24 novembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 6 dicembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA