Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 38604 del 06/12/2021

Cassazione civile sez. I, 06/12/2021, (ud. 29/09/2021, dep. 06/12/2021), n.38604

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. TRICOMI Laura – rel. Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10589/2020 proposto da:

O.V., domiciliato in Roma, P.zza Cavour, presso la

Cancelleria Civile della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso

dall’Avvocato Luigi Migliaccio, giusta procura speciale allegata al

ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in Roma Via dei Portoghesi 12 presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che lo rappresenta e difende;

– resistente –

avverso la sentenza n. 1349/2020 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 01/10/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

29/09/2021 da Dott. TRICOMI LAURA.

 

Fatto

RITENUTO

che:

La Corte di appello di Salerno, con la sentenza in epigrafe indicata, ha rigettato l’appello proposto da O.V., proveniente dalla Nigeria (Delta State).

Il richiedente ha proposto ricorso per cassazione con tre mezzi; il Ministero dell’Interno ha depositato mero atto di costituzione.

Il cittadino straniero aveva riferito di essere fuggito dalla Nigeria perché, a seguito della morte del padre appartenente alla setta degli (OMISSIS), molto pericolosi e dediti ai sacrifici umani, alcuni membri di tale setta si erano presentati al funerale del padre e lo avevano minacciato, ove egli non avesse accettato di prendere il posto del padre nell’ambito dell’organizzazione.

La Corte di appello, in linea con la decisione assunta in primo grado, ha ritenuto non credibile il racconto, in ordine alle ragioni di fuga, perché generico ed ha affermato che non vi erano elementi per ritenere che una volta rientrato in Mali (sic, fol. 6 della sent. imp.), il richiedente potesse correre il rischio di subire danni gravi alla persona o trattamenti inumani o degradanti.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Il primo motivo di ricorso, con il quale si denuncia la violazione dell’art. 132 c.p.c., art. 118 disp. att. c.p.c., L. n. 241 del 1990, art. 3, nonché dell’art. 116 Cost., comma 6, art. 6 CEDU e art. 47Carta di Nizza, relativi ai “requisiti minimi” di idoneità della motivazione del provvedimento impugnato, è fondato e va accolto.

La decisione impugnata si limita a negare la credibilità del ricorrente in ordine alle ragioni di allontanamento dal proprio paese, senza analizzarne in alcun modo il racconto e formula una prognosi relativa alle possibili conseguenze del rientro in patria inopinatamente individuata nel Mali, mentre il richiedente proviene dalla Nigeria – senza circostanziare le ragioni della statuizione assunta e senza analizzare le condizioni socio/politiche del paese di origine.

Orbene, nello svolgimento del sindacato di legittimità sulla motivazione, circoscritto, in seguito alla riformulazione dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, disposta dal D.L. n. 83 del 2012, art. 54, conv., con modif., dalla L. n. 134 del 2012, alla sola verifica della violazione del “minimo costituzionale” richiesto dall’art. 111 Cost., comma 6, individuabile nelle ipotesi – che si convertono in violazione dell’art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4, e danno luogo a nullità della sentenza – di “mancanza della motivazione quale requisito essenziale del provvedimento giurisdizionale”, di “motivazione apparente”, di “manifesta ed irriducibile contraddittorietà” e di “motivazione perplessa od incomprensibile” (Cass. Sez. U. n. 8053 del 07/04/2014; Cass. n. 23940 del 12/10/2017), il motivo risulta fondato, attesa la assoluta genericità della pronuncia che risulta pertanto nulla, in quanto priva di riferimenti atti a consentire la comprensione della motivazione e dell’iter logico/giuridico seguito.

2. I motivi secondo e terzo, con cui si denuncia l’inosservanza dei parametri di valutazione della credibilità del narrato, nonché l’inosservanza del dovere di cooperazione istruttoria (secondo) e l’omessa pronuncia sulla domanda di protezione umanitaria (terzo), sono assorbiti.

3. In conclusione va accolto il primo motivo del ricorso, assorbiti gli altri; la sentenza impugnata va cassata con rinvio alla Corte di appello di Salerno in diversa composizione per il riesame e per la liquidazione delle spese di legittimità.

PQM

– Accoglie il primo motivo del ricorso, assorbiti gli altri; cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte di appello di Salerno in diversa composizione anche per le spese.

Così deciso in Roma, il 29 settembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 6 dicembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA