Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3851 del 17/02/2020

Cassazione civile sez. II, 17/02/2020, (ud. 01/10/2019, dep. 17/02/2020), n.3851

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. BELLINI Ubaldo – Consigliere –

Dott. DE MARZO Giuseppe – Consigliere –

Dott. CRISCUOLO Mauro – Consigliere –

Dott. CARBONE Enrico – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 29545/2015 R.G. proposto da:

S. Calcestruzzi s.r.l. in liquidazione, rappresentata e difesa

dagli Avv.ti Corrado Tognetti e Fabio Pontesilli per procura a

margine del ricorso, elettivamente domiciliata in Roma presso lo

studio dell’Avv. Fabio Pontesilli alla via F. Orestano n. 21;

– ricorrente –

contro

S.F., e S.G., rappresentati e difesi dagli Avv.ti

Mauro Meneghini e Andrea Manzi per distinte procure a margine del

controricorso, elettivamente domiciliati in Roma presso lo studio

dell’Avv. Andrea Manzi alla via F. Confalonieri n. 5;

– controricorrenti –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Venezia, n. 1625,

depositata il 23 giugno 2015;

Udita la relazione svolta dal Consigliere Dott. Enrico Carbone nella

camera di consiglio del 1 ottobre 2019.

Lette le conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto

Procuratore Generale Dott. Sgroi Carmelo, che ha chiesto il rigetto

del ricorso.

Fatto

ATTESO

CHE:

S.F. e S.G. convenivano in giudizio davanti al Tribunale di Verona il fratello Gi. e S. Calcestruzzi s.p.a. per sentir condannare la società al rilascio di alcuni terreni in (OMISSIS) e per sentirne disporre la divisione tra i germani comproprietari.

Respinta l’eccezione di usucapione formulata dalla società, il Tribunale condannava la stessa a rilasciare a S.F. e S.G. i due terzi dei terreni, che pure in divisione assegnava loro per l’intero, salvo conguaglio a favore di Sc.Gi..

Il giudice d’appello respingeva il gravame principale col quale la società era tornata ad eccepire l’usucapione ventennale dei fondi e, in accoglimento dell’incidentale di S.F. e S.G., condannava la società stessa a rilasciare in loro favore i terreni per l’intero.

S. Calcestruzzi ha proposto ricorso per cassazione: in data 6 settembre 2019, il Pubblico Ministero ha depositato le conclusioni per il rigetto del ricorso; in data 24 settembre 2019, la ricorrente ha depositato atto di rinuncia, conforme alle prescrizioni dell’art. 390 c.p.c.

Occorre pertanto dichiarare l’estinzione del processo; nulla sulle spese, avendo i controricorrenti aderito alla rinuncia, con sottoscrizione “per visto e accettazione” (art. 391 c.p.c., comma 4).

Non sussiste l’obbligo della ricorrente di versare l’ulteriore importo per contributo unificato ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, poichè la norma si riferisce ai soli casi tipici dell’integrale rigetto, inammissibilità o improcedibilità dell’impugnazione, e non può essere estesa al diverso caso della rinuncia, trattandosi di norma eccezionale, lato sensu sanzionatoria, come tale di stretta interpretazione (Cass. 12 novembre 2015, n. 23175; Cass. 18 luglio 2018, n. 19071).

P.Q.M.

Dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 1 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA